Archivi categoria: Dibattito culturale

Vatican-China. Utilitarianism, democracy and a moderating role for the Holy See

Francesco Sisci*

In the past few months, stretching out no longer than a couple of years, an important controversy has mounted in America and the West, in which some argue that we foreigners were fools to believe we could change China. China in the past 40 years, since the U.S. started cooperating with her, taking her under wing, just fooled us and did what it always wanted – remained communist (thus anti-capitalistic) and with a value system different than ours (and thus against our value system). The Holy See, who has proven capable of striking deals in China and also holds a high moral ground in the West, may be able to find a middle way.

The controversy stems from the deep foreign disappointment in what China turned out to be, and from a perception of Beijing’s growing challenge to the global economic, political and social order. This argument finds a noble precedent in Yale Professor Jonathan Spence’s book, To Change China: Western Advisers in China, 1620-1960 (Little, Brown: 1969), which details the many stories of western advisers who tried to change China and failed. The moral of the story is: forget it, China won’t change, she will just take you for a ride.

However, I had a strong objection to the book when I read it a long time ago, and to the present debate as well. China in the past 40 years did change, as so it did with the work of the missionaries described by Spence. China now is not what it was after the Cultural Revolution. Everybody who has witnessed China over the past 20 or 30 years would know this immediately. The problem is not that China didn’t change, but that it didn’t change in the way we wished.

These are two different issues. As a father it is a well-known problem: when you raise a child and he (or she) doesn’t turn out the way you wished. Sometimes she or he is better, sometimes worse, but most of the time change is totally unpredictable. In fact, he or she never turns out the way you planned, but this doesn’t mean the child didn’t change from the time he or she was a baby.

From this general problem there are presently two more issues, as we are not happy on how things stand with China: Why in this case China turned out wrong, and what to do now. On both accounts perhaps things now are very different from the time when in the 1970s the West started engaging China. For decades there were two different pulls in foreign policies with China.

First, there was a realistic utilitarian trend that overlooked the process of democratization in Beijing to have China in line with US interests, be those against the USSR, until the fall of the Soviet Empire in the early 1990s, or for the expansion of globalization since the 1990s until now, when globalization is turning sour for the US, the country which started it in the first place.

Second, the promotion of democracy and human rights, pillars of the western value system, clashed constantly with that utilitarianism. A democratic China had nothing to do with the anti-Soviet thrust or the globalization drive. In fact, it was largely an impediment to reach the great efficiency an authoritarian system could deploy in these two fields. Therefore, it was easily sacrificed on the altar of greater utilitarian good.

No wonder that the perception of China (the child in this case) was that the West was just using democracy to pay lip service to its ideal, or worse, democracy was (is) a tool to create chaos and havoc in a country to then economically pillage it, because self interest was the real goal of the Western system. Here, as any parent would do, there can be a lot of soul-cringing self-examination. And perhaps more than other times this should be real, as the dual approach created real issues for China, the U.S. and the world.

However, perhaps for the first time in many years now these two pulls are not in contradiction and are converging and beginning to shape a new policy. China’s economic and political weight has grown too big to be simply overlooked in favor of some short-term globalization advantage. Its opaque political system, with its opaque web of connections between politics and State Owned Enterprises (SOEs), are an objective challenge to the existing international economic system, which has been dominated for better or worse by western values for centuries.

Beijing’s decision to drink coffee rather than tea, given China’s present and future economic size, will affect coffee or tea prices worldwide. Yet nobody in the world really knows who and how Chinese make this decision. When China’s economy was puny, its impact on the world market and order, was also negligible and thus it could have been overlooked. In the US the process of making these decisions is rather transparent and people in the world could intervene in it by writing opinion pieces or setting up perfectly legal lobbies. Nothing like that exists in China.

A disruption of this old order would not be easy and effortless, even if the U.S. were willing to give up its role (which it is not ready to give up), because the world knows how to move in a Western-ordered world. Conversely, it really doesn’t know what a China world would mean, and from the first glimpse of it, it looks worse than the American world.

So both realism and idealism now objectively want something from China — and that is political change. Political change can bring democratization that would better integrate China into this world both economically and through improvement of its human rights situation.

But, China will be very reluctant to make this change, and the friction between a push to change and resistance to it, could shake the present political order in China and the balance of power in Asia. Even if and when political change were to occur, this change could turn out to be different from what the West wished for (again we should remember the example of the parent and the child).

This makes an objective mix for a violent, military clash in China or its environs. The storm of a new Cold War in Asia is in fact apparent. In this situation it is very important to notice the possible role of the Holy See, which is now close to a historic framework agreement with China. Can this agreement also help to ease some of the existing friction? Can Chinese leaders better understand the dangers ahead and find a way to move out of the present collision course? At the same time, the Holy See will have the moral high ground in the West to propose ideas that would help a father to find a way to reconcile with his prodigal son, without coming to blows.

In any case it is the end of an era, and the child is no longer such. Yet, the growth of the son doesn’t have to mean the destruction of the father’s household and his rules. A grown son doesn’t have to be killed to restore those rules and the father’s authority.

Published on Journal of Political Risk, Vol. 6, No. 2, February 2018

Francesco Sisci is a Senior Researcher at China Renmin University and a former Italian diplomat. He has lived in China for three decades, and has closely followed China-Vatican issues for approximately 20 years

 

Il ritorno degli opposti estremismi. Violenta pazzia

Danilo Paolini

Fascisti, comunisti, neri, rossi, le botte e le coltellate per la strada, una svastica tracciata sulla memoria viva di martiri della democrazia insieme all’insulto verso chi difende la sicurezza di tutti, un tentativo di blitz negli studi televisivi di un talk show politico. Ed è solo un elenco incompleto. L’elenco di ieri. No, no. Fermatevi, subito. Prima che sia davvero troppo tardi. Anche se quanto si è visto finora è già troppo.

Qualche giorno fa parlavamo del clima di odio che attanaglia il Paese, aggravato da una campagna elettorale acida, cattiva e troppo spesso priva di contenuti propositivi, se si eccettuano certe sparate alle quali non sembrano credere nemmeno i rispettivi autori. Ebbene, siamo stati purtroppo profeti facili facili: l’aria che si respira è fetida, si avverte distintamente l’odore del sangue e del fango. Quando vedi un carabiniere in terra circondato e preso a calci, quando sui social trovi fotomontaggi e affermazioni che solo menti deliranti sono in grado di partorire, quando nella loro relazione annuale i Servizi di sicurezza sottolineano il pericolo del riemergere dell’eversione interna, quando Amnesty International certifica che in Italia «un leader politico su tre fa ricorso a discorsi offensivi, razzisti e di odio», quando un tizio con una runa tatuata sulla faccia e il Mein Kampf sul comodino sale in macchina e comincia a sparare ai neri (di pelle) come se Macerata fosse il Mississippi dei tempi peggiori, capisci che le cose si stanno mettendo male.

Avevamo messo in guardia dagli ignari, dagli smemorati o da quelli in malafede (magari ormai con i capelli bianchi) che non si curano, o fingono di non curarsi, di quanto è costato in vite umane a questo nostro tormentato Paese il periodo lungo, buio della violenza politica, del terrorismo, dei ragazzi lasciati in terra a colpi di pistola o mitraglietta, di spranga, di manici di piccone, bruciati nel cuore della notte mentre dormivano nei loro letti, giustiziati davanti alla propria madre, scaraventati giù da un muretto. Paolo, Walter, Francesco, Valerio… neri, rossi… da morti non si ha più colore. Resta il dolore senza fine dei genitori. Rimane la rabbia dei «compagni», dei «camerati», che può sfociare in nuova violenza, in altro sangue. Questo rimane, niente altro.

Eppure quella tragica lezione non sembra essere stata imparata. Il «camerata» aggredito ieri a Palermo ha detto di essere «un soldato politico» e di non voler «elemosinare» solidarietà da nessuno, il suo movimento ha annunciato che «nulla resterà impunito».

Mentre al pestaggio è seguita una sorta di rivendicazione, in forma anonima, dai toni minacciosi. A Perugia, dopo l’accoltellamento di un «compagno» di Potere al popolo, è andato in scena un analogo batti e ribatti al sapore, neanche troppo vago, di anni 70. E l’aria si fa ancora più pesante. Fermatevi. Non cascateci di nuovo. Sarebbe una pazzia senza senso (come lo fu allora) e per di più, oggi, completamente fuori dalla storia.

P.S.: Mentre scriviamo, in via Mario Fani a Roma è stata cancellata la scritta oltraggiosa («A morte le guardie») e la svastica che una mano vigliacca aveva lasciato sulla lapide in memoria della scorta di Aldo Moro, sterminata in quel luogo dalle Brigate Rosse il 16 marzo 1978, durante il rapimento dello statista democristiano. Onore autentico e profonda gratitudine a loro, in mezzo a tanto onore autoproclamato e dubbio.

Avvenire giovedì 22 febbraio 2018

 

 

Migranti, donne ed etnie. È il «contagio» dell’odio

Alessia Guerrieri

C’è un tema che accomuna – nel male – la vita di 159 Paesi del mondo. E questo filo rosso si chiama odio. È infatti l’hate speech, la contrapposizione “noi-loro”, spesso prodotta dagli stessi governanti, a generare nel mondo la più comune violazione dei diritti umani. Un acuirsi dell’intolleranza verso il “diverso” che però sta portando a una nuova era di attivismo, digitale e non, per combattere le ingiustizie. C’è insomma una spinta verso la richiesta di «un futuro di maggiore speranza» – come lo definisce il segretario generale di Amnesty International Salid Shetty – nel rapporto sui diritti umani nel mondo nel 2017-2018 che l’organizzazione ha presentato ieri a Roma, in contemporanea con molte città del mondo. A partire da Washington, proprio perché «è lì che è stato dato il via da Trump alla scia d’odio, approvando all’inizio del 2017 il Muslim ban» – è l’esordio del responsabile di Amnesty Italia Antonio Marchesi – ricordando che «l’arretramento della presidenza Trump sui diritti umani sta stabilendo un precedente molto pericoloso» anche per altri governi su pratiche «fino a qualche tempo fa impensabili».

Migranti, omosessuali, donne, minoranze etniche. Sono questi i principali obiettivi della crescente tendenza all’odio nel mondo che coinvolge non solo gli Usa, ma anche la Russia che continua a «limitare la libertà d’espressione» oppure il Myanmar in cui prosegue la campagna contro i Rohingya e la Cina dove «con la scusa della sicurezza nazionale, il governo continua a introdurre leggi che costituiscono una grave minaccia per i difensori dei diritti umani ».

In sostanza, in molte parti del mondo – è la denuncia che emerge dal report di oltre 600 pagine – c’è la tendenza dei leader politici a promuovere fake news per manipolare l’opinione pubblica o ad attaccare gli organismi di controllo sui poteri. Un atteggiamento che porta Amnesty a sostenere che «quest’anno la libertà di espressione sarà un terreno di battaglia per i diritti umani».

A dimostrare l’inasprimento del clima globale anche il crescente numero di attivisti uccisi nel 2017, almeno 312, soprattutto in America Latina, e i 262 giornalisti messi in prigione «per aver svolto il proprio lavoro – continua Marchesi – soprattutto in Turchia, Cina, Egitto. In Messico, poi, 11 reporter sono stati addirittura assassinati». Di fronte ad un malcontento sociale diffuso, e al crescere di persone che con sempre più difficoltà accedono a servizi fondamentali come il cibo o le cure mediche, «si assiste però ad un piccolo barlume di luce che viene dalla società civile», conclude il presidente di Amnesty, cioè «la crescita di nuovi e vecchi attivisti impegnati in campagne per la libertà e la giustizia».

Il clima di odio, comunque, non risparmia nemmeno l’Italia, a cui l’organizzazione ha voluto dedicare uno specifico focus attraverso il monitoraggio in campagna elettorale delle dichiarazioni sui social di oltre 1.400 candidati alle elezioni politiche e regionali. E quello che ne viene fuori finora – è il duro ritratto del direttore generale di Amnesty Italia Gianni Rufini – è un Paese «intriso di odio, razzista e xenofobo, che ha paura dell’altro, del diverso: migranti, rom, lgbt ma anche donne e poveri». Un linguaggio di ostilità che nell’8% dei casi coinvolge anche i candidati alle elezioni e un leader politico su tre. Otto volte su dieci, secondo questa analisi, le dichiarazioni hanno come bersaglio i profughi, il 12% la discriminazione religiosa, il 5% i rom e il 4% le differenze di genere.

in “Avvenire” del 22 febbraio 2018

Il linguaggio del teppismo

Ezio Mauro

Cosa sta succedendo? Nel momento del massimo disincanto dalla cosa pubblica e dalla vita dei partiti, la campagna elettorale improvvisamente è attraversata da atti di teppismo politico in serie, come non succedeva da tempo. Prima il segretario di Forza Nuova legato mani e piedi a Palermo come nei peggiori anni della nostra vita, e pestato a sangue. Poi la stessa Forza Nuova che tenta l’assalto all’informazione, attaccando gli studi romani del talk DiMartedì.

Quindi il militante di Potere al popolo accoltellato a Perugia mentre incolla i manifesti elettorali al muro. E infine la profanazione della lapide di via Fani — a pochi giorni dal quarantesimo anniversario del massacro di cinque uomini di scorta e dell’uccisione di Moro — con la scritta “Morte alle guardie”, e la svastica che ritorna come oltraggio supremo alla democrazia.

Parliamo di teppismo politico, perché abbiamo conosciuto ben altra stagione di sangue negli anni Settanta. Ma tutti i segni dicono che la violenza torna in politica, sotto forme isolate e disomogenee. Torna insieme con le manifestazioni di razzismo, le dichiarazioni xenofobe, le riproposizioni di un fascismo fuori dalla storia, espressione situazionista di antagonismo radicale al sistema più che di nostalgia.

Saltati quei grandi pedagoghi di massa che erano i partiti, esaurite le culture politiche centenarie che sono state un orizzonte di riferimento per generazioni, è venuto meno anche il collegamento tra la società politica nel suo complesso e le istituzioni democratiche, la coscienza di avere un tetto comune. Con tutte le sue miserie, le disillusioni e anche i tradimenti, la democrazia repubblicana “riconquistata” era qualcosa comunque da difendere, un luogo in cui cercare un riconoscimento reciproco, una tutela e uno scambio.

Sarebbe sbagliato dire che la politica oggi crea violenza. Ma mancando questi argini, la violenza sciolta che viaggia dentro la nostra società trabocca anche in politica. Anzi, qualcosa di meno e di peggio: diventa “ linguaggio” politico naturale e spontaneo, quel linguaggio teppistico che registriamo altrove, e che entrando nel campo della politica non trova più una capacità di traduzione e di decantazione in un sistema organizzato di ideali e di valori, ma anche semplicemente di concetti e di forme di espressione.

Tutto questo avviene non perché viviamo una campagna elettorale al calor bianco, ma al contrario nella fase del grande freddo, quando il cittadino e lo Stato sono una coppia apertamente in crisi, con ogni passione spenta. Il cittadino crede e chiede di poter fare a meno dello Stato, anche perché si sente scoperto dalla politica, in deficit di rappresentanza, e pensa che il suo disimpegno dalla partecipazione, dalla responsabilità, dalle scelte e dal voto (in una parola: dal discorso pubblico) sia l’esercizio di un contropotere.

Non si accorge che è un discorso sterile. Simmetricamente e nello stesso tempo, infatti, anche lo Stato e la politica si disinteressano di lui, perché quando il cittadino si rinchiude nell’esercizio privato dei suoi diritti e li coniuga soltanto al singolare, non mette nulla in movimento, e diventa per questo irrilevante, numero ma non soggetto.

C’è poi un problema in più che riguarda la marginalità sociale, che dopo dieci anni di crisi si sente protagonista negativa non di una disuguaglianza ma di un’esclusione, tagliata fuori, sospinta ai bordi non della società ma della democrazia. A questa fetta minoritaria ma presente di cittadini perduti, la politica non ha saputo proporre un’alternativa all’egemonia della necessità: non un pensiero concorrente, nemmeno un’obiezione culturale, come se l’unica forma di espressione fosse da cercare fuori dal sistema, nell’antagonismo o in quell’antipolitica che è in grado soltanto di garantire l’incompetenza come forma di governo presunta innocente.

Quel che succede oggi, dunque, può darci qualche lezione per il dopo. Le istituzioni sono da cambiare, non da vilipendere come fanno molti. La democrazia repubblicana è malata, ma non è marcia come sostiene qualcuno. Le responsabilità della grande disaffezione italiana sono nostre e non di altri, come dicono tutti.

Ma questo non basta. Per riportare la politica al suo posto, servono identità forti, marcate, distinte e sicure, che richiamino valori riconoscibili e difendano interessi legittimi specifici, facendo nascere una passione per le “parti” in gioco, e dunque per la contesa democratica. Proprio il contrario di larghe intese tra opposti, dentro un indistinto democratico che in una società sbandata e delusa produrrebbe poco governo, cattiva politica e basso potere, allargando ancora di più il fossato senza ponti tra il Palazzo e il Paese.

in “la Repubblica” del 22 febbraio 2018

Disoccupazione. Due milioni di posti di lavoro vacanti in Europa

Riccardo Sorrentino

Per la Francia è un problema nuovo. Piuttosto fastidioso. Proprio adesso che la disoccupazione inizia a calare e il Paese spera che siano mantenute le promesse della riforma del mercato del lavoro voluta dal presidente Emmanuel Macron si presenta una difficoltà inattesa: mancano i lavoratori “giusti”. Per un numero sempre crescente di aziende la domanda di lavoro non riesce a essere soddisfatta. Tutti i settori sembrano essere interessati, ma secondo un’analisi di Julien Marcilly, capo economista di Coface, automotive, trasporti e costruzioni sono i comparti più colpiti.

Il mismatch
Non è in realtà un fenomeno solo francese. In Germania è da tempo che il cosiddetto mismatch, il disallineamento tra le competenze richieste dalle aziende e quelle offerte dai lavoratori ha colpito il Paese. L’economia tedesca ha però un tasso di disoccupazione inferiore al 4% (per la classe d’età 15-74 anni) ed è normale che a questi livelli si presentino problemi. In Francia i senza lavoro sono invece appena calati sotto il 9%, a un livello decisamente più alto non solo del periodo pre crisi, ma anche di quello immediatamente successivo alla Grande recessione.

Una curva più alta
Gli aneddoti su questa o quella azienda in difficoltà, questo o quel settore sotto pressione non raccontano però la storia nel suo complesso. I dati Eurostat mostrano che il fenomeno è ormai ampio. La cosiddetta “curva di Beveridge”, che mette in relazione il tasso di disoccupazione e il livello dei posti “vacanti” (vacancies, in percentuale sul totale tra posti di lavoro occupati e vuoti), si è – come si dice in linguaggio tecnico – spostata verso l’alto per molti paesi. Più semplicemente, questo significa che a un uguale livello di disoccupazione in passato la percentuale di posti vacanti era più bassa di oggi.

Un problema europeo

Dai dati emerge che è l’intera Eurolandia a soffrire oggi di questo fenomeno, che un tempo sembrava limitato agli Stati Uniti: il livello delle vacancies è ai massimi storici, l’1,9% mentre la disoccupazione (nel grafico, per rendere possibili i confronti, il tasso trimestrale delle persone tra 15 a 74 anni) non è certo ai minimi. È evidente come la curva si sia spostata verso l’alto: i dati del periodo 2007-2010 e quelli del periodo 2011-2017 si muovono su due livelli diversi.

Il malessere francese

In Francia a un tasso di disoccupazione del 9,3% corrispondeva – nel terzo trimestre ’17 – un livello di posti vacanti pari all’1,1%; nel quarto trimestre 2011, allo stesso tasso di disoccupazione corrispondeva un livello di posti vacanti dello 0,7%, e nel primo del 2010, a una disoccupazione appena più alta (9,4%) corrispondevano posti vacanti allo 0,4%. Il grafico – che torna indietro al 2003, mostra come i dati si siano “spostati” due volte: quelli nel periodo 2007-2010 – ma si potrebbe tornare indietro fino al 2003 – sono concentrati nella parte bassa del quadrante, quelli del 2011-2015 sono nella parte intermedia, mentre i più recenti si proiettano verso l’alto, a segnalare come il problema peggiori rapidamente.

Il caso italiano

L’Italia, che negli anni scorsi sembrava al riparo da questo fenomeno – malgrado le dichiarazioni di qualche politico – si assiste alla stessa tendenza : il livello di vacancies (per le aziende con più di 10 addetti) era dell’1% nel terzo trimestre 2017 con una disoccupazione al 10,6%. Nel secondo trimestre 2012, a un livello di senza lavoro appena più basso (10,5%) corrispondevano posti vacanti pari allo 0,5%. Per ritrovare nei dati sulle vacancies l’un per cento registrato a fine settembre occorre tornare indietro agli ultimi trimestri precedenti la crisi: al terzo trimestre del 2007, quando la disoccupazione era però ben più bassa: un irripetibile 5,6% (per le persone tra 15 e 74 anni). Il grafico mostra – sia pure in modo meno evidente che in altri paesi, come il livello attuale di vacancies corrispondeva in passato a livelli ben più bassi di disoccupazione.

L’apripista tedesco
La Germania è stato il primo paese europeo a lamentare il problema del mismatch. Nel caso tedesco è però più difficile analizzare il fenomeno per due motivi. Innanzitutto la mancanza di dati: è solo dal 2010 che vengono raccolti i dati tedeschi sulle vacancies, e non è quindi possibile individuare innalzamenti della curva rispetto agli anni precedenti. In secondo luogo la bassa disoccupazione tedesca non permette di capire quanta parte del fenomeno sia, in qualche modo, fisiologico, legato al buon funzionamento del mercato del lavoro, e strutturale, difficilmente migliorabile.

Il confronto tra Paesi

Un confronto tra le diverse economie di Eurolandia, sulla base degli ultimi dati disponibili (il terzo trimestre 2017) permette di meglio contestualizzare il problema. Francia e Italia appaiono dunque molto vicine tra loro, e non rivelano una situazione “peggiore” rispetto a quella dei partner. Lo stesso discorso può essere fatto per la Germania. Nei grandi Paesi di Eurolandia è quindi la dinamica a preoccupare: la tendenza del problema ad aggravarsi nel tempo. Ben diverse appaiono la situazione della Spagna, per esempio, con vacancies piuttosto elevate rispetto al tasso di disoccupazione, o quella di Belgio e Lettonia che associano a un livello relativamente basso di senza lavoro un numero più importante di posti vacanti.

Dati «confidenziali»
A quanti posti corrispondono queste percentuali? Alcuni Paesi, tra cui l’Italia, mantengono “confidenziali” i dati in valore assoluto, e mancano quindi indicazioni per l’intera Eurolandia. Il portale Ue sulla mobilità del lavoro, che cerca di affrontare il problema, censisce 1.800.000 posti vacanti, ma i numeri reali sono molto più alti. Solo in Germania sono 1.150.000, in Olanda 217mila, in Spagna 110mila, la Francia ne calcola 150mila nelle imprese con più di 10 addetti, ma è possibile che i dati siano sottovalutati. Anche perché non tengono conto di altri problemi non facilmente rilevabili dalle statistiche, ma in crescita: i lavoratori con competenze sottoutilizzate, quelli non adeguatamente competenti e quelli con competenze divenute obsolete.

I settori in sofferenza
I numeri complessivi, inoltre, non mettono in evidenza la sofferenza di alcuni singoli settori. Quasi ovunque, per esempio, il manifatturiero sembra meno colpito della media dal fenomeno del mismatch. Le costruzioni in Germania mostrano invece un tasso di vacancies del 3,8%, in Francia dell’1,3% e in Italia dell’1,1%, tutti livelli superiori alla media. Il settore ristorazione e alberghiero francese è al 2%, mentre in Italia sfiora in 3% nei mesi invernali. Informazione e comunicazione giunge al 3,6% in Germania, all’1,7% in Francia e all’1,5% in Italia. Per le occupazioni professionali, scientifiche e tecniche la Germania arriva al 5,7%, la Francia all’1,3% e in Italia all’1,2%, in forte aumento anche rispetto al recente passato.

Veri e falsi disallineamenti
La soluzione è ovviamente nell’adeguamento delle competenze: scuole migliori, apprendistato efficiente, istruzione permanente (lifelong learning). A volte, come segnala il Cedefop, l’agenzia europea sull’aggiornamento professionale, il disallineamento tra domanda e offerta non è però solo un problema di competenze. Una componente importante è l’insufficiente livello salariale offerto, mentre non andrebbe sottovalutata l’inefficienza del management delle risorse umane («Cercano diciottenni con esperienza ventennale», si lamentava su un social un amministratore delegato straniero che, controcorrente e con successo, aveva assunto ultracinquantenni): secondo un’indagine Cedefop su microdati pesa nel 13% delle imprese in difficoltà come fattore unico e in un ulteriore 22% associato a una effettiva carenza di competenze.

in Il Sole 24 Ore, giovedì 22 febbraio 2018

 

Laureati, a migliaia in fuga dal Sud al Nord Italia

Marzio Bartoloni

Se negli anni cinquanta e sessanta si emigrava al Nord con la valigia di cartone oggi lo si fa con una laurea in tasca. Dal 2000 sono stati almeno 200mila i giovani laureati che hanno lasciato il Meridione per trovare casa e lavoro da Roma in su. Un brain drain per il Sud (e brain gain per il Nord) con un costo non indifferente: 30 miliardi. A stimare la perdita netta degli investimenti in istruzione delle Regioni meridionali è uno studio contenuto nel numero monografico della Rivista economica del Mezzogiorno diretta da Riccardo Padovani ed edita dalla Svimez che sarà pubblicato oggi dedicato proprio alla «questione» dell’università nel Mezzogiorno.

200mila laureati in fuga al Nord 
Se negli anni del secondo dopoguerra a migrare era soprattutto giovane manodopera proveniente dalle aree rurali del Mezzogiorno, oggi sono laureati e studenti universitari (immatricolati fuori regione) a spostarsi dalle regioni meridionali e insulari, verso il centro-nord del Paese. Sono insomma i cosiddetti “best and brightest”- spiega lo studio curato da Gaetano Vecchione dell’università Federico II di Napoli – a fare la scelta di migrare. In particolare negli ultimi 15 anni il saldo della migrazione intellettuale italiana è risultato pesantemente negativo per le regioni del Mezzogiorno. Per effetto dei trasferimenti verso il Centro-Nord, si contano circa 200.000 laureati in meno tra i residenti del Mezzogiorno, senza considerare la crescente quota di pendolari a medio e lungo raggio.

Migrano anche gli studenti 
Il fenomeno ha assunto «connotazioni preoccupanti» – spiega l’indagine- , soprattutto se si considera che nel 2015 ben il 25% dei migranti totali da Sud a Nord erano laureati rispetto al solo 5% nel 1980 e che nel 2016 il 40% dei residenti al meridione iscritti presso un corso di laurea magistrale, si è spostato presso un ateneo del Centro-Nord. Con alcune regioni che presentano tassi di uscita assai più elevati di altre: se in Abruzzo è solo il 4%, in Campania è il 23%, in Sardegna il 36%, in Sicilia il 43%, in Puglia il 51%, in Calabria il 53%, in Molise il 61% e in Basilicata addirittura l’83%. Nel complesso secondo i dati dell’Anagrafe studenti del Miur, tra il 2004 e il 2015, il numero di immatricolati residenti al Sud ma iscritti ad un corso di laurea (triennale e ciclo unico) al Centro-Nord è passato dal 18% al 26% del totale degli immatricolati meridionali (con quelli magistrali che hanno raggiunto quota 38%).

Danno economico per il Sud 
Ma qual è il danno economico per le Regioni del Sud che soffrono queste migrazioni high skilled? Per calcolare la spesa per istruzione pro-capite, lo studio ha utilizzato i dati dell’Agenzia per la coesione territoriale e dell’Ocse per il periodo 2000-2015 stimando l’investimento pubblico per formare i giovani del Sud residenti poi emigrati prendendo in esame quanto ogni studente beneficia direttamente o indirettamente di alcuni servizi pubblici annoverati nel bilancio pubblico e relativi al capitolo “Istruzione” fino al momento della laurea fissato a una età di 25 anni. La stima sia dell’Agenzia che dell’Ocse del costo sostenuto ammonta a circa 30 miliardi di euro, con una media di 1,8 miliardi all’anno. Cifra questa che secondo l’autore di questa indagine «cattura la perdita secca di un investimento pubblico effettuato ma del quale, a causa della emigrazione, non si raccolgono i frutti. In termini redistributivi, il danno per il Mezzogiorno potrebbe essere assimilato ad un beneficio netto per il Centro-Nord».

Una riserva di fondi per gli atenei del Sud 
Nel focus pubblicato dalla Rivista economica del Mezzogiorno pubblicata da Svimez c’è anche un articolo di Paolo Sestito e Roberto Torrini di Banca d’Italia che lancia una proposta: creare una riserva di fondi a favore degli atenei del Sud. In termini di risorse, le università meridionali ricevono circa il 31% dei fondi pubblici, ma registrano ricavi complessivamente inferiori (29%), a causa soprattutto delle minori entrate delle tasse pagate dagli studenti e da finanziamenti da altri soggetti pubblici locali, privati o istituzioni internazionali. Nel complesso tutto ciò si traduce in un minor livello di risorse economiche, che, in rapporto agli studenti iscritti regolari, risultano di circa l’11% inferiori alla media nazionale. Uno squilibrio che si è accentuato negli ultimi anni per la riduzione delle risorse pubbliche e per il calo delle iscrizioni agli atenei del Sud che rischia di dividere le università in due categorie: serie A e B. «Superare tali problemi richiede più fondi in generale e in particolare a beneficio del Mezzogiorno, anche prevedendo una sorta di riserva a favore degli Atenei dell’area». Ma secondo gli autori dello studio occorre «altresì che queste risorse siano ripartite sulla base di criteri e meccanismi che stimolino l’innovazione e il processo di miglioramento degli atenei meridionali».

in Il Sole 24 Ore, giovedì 22 febbraio 2018

 

 

Migliaia di bimbi condannati a morire. L’Unicef accusa Pakistan e Africa

Raimondo Bultrini

Non c’è posto più pericoloso del Pakistan per venire al mondo sul pianeta Terra. Lo rivela un rapporto dell’Unicef (l’organizzazione per l’infanzia delle Nazioni Unite) secondo il quale ogni 22 neonati uno non arriva al primo mese di vita: un record ben al di sopra delle medie africane, già terribili se confrontate a quelle di Paesi come il Giappone dove ne muore solo uno su mille.
Ben poco serve a consolare il Paese islamico, afflitto da mali antichi e dal terrorismo fondamentalista che boicotta perfino i vaccini della polio, sapere che nelle casistiche dell’Unicef la “nemica” India è in posizione di poco migliore, con 25,4 decessi su mille nati vivi, contro i 45,6 bimbi pachistani. In mezzo ci sono una decina di Paesi africani, dalla Repubblica centrafricana al Ciad: sono qui otto dei dieci Paesi al mondo dove è più rischioso nascere.
In generale le statistiche rese note ieri con le tabelle divise per nazioni e continenti rendono l’entità di un fenomeno dove è evidente la differenza tra Paesi ricchi e poveri, con un dato su tutti a far riflettere: l’80 per cento degli oltre 2 milioni e mezzo di piccoli morti nei primi giorni di vita – ben 7000 al giorno – poteva essere salvato se avesse avuto accesso ad adeguate cure sanitarie.
Salita al 12esimo posto nella mortalità infantile tra i 52 Paesi della fascia a medio-basso reddito (e al 153simo posto su 182 nella classifica globale), secondo l’Unicef l’India ha dimezzato nell’ultimo quarto di secolo il numero dei decessi tra i bambini di età inferiore ai cinque anni. Ma «non ci sono stati progressi simili nel porre fine alle morti tra i neonati di meno di un mese», ha detto la direttrice Henrietta H. Fore. Da qui il risultato della ricerca: ogni anno 600mila piccoli indiani muoiono proprio in questa fascia d’età, l’intera popolazione di una città come Palermo.
Questo dato diventa ancora più agghiacciante se riferito ai risultati delle ricerche dello stesso governo indiano di appena 3 anni fa, dove risultò che nelle prime settimane di vita ogni mille bambini morti 14 erano maschi e 23 bambine. Ma ancora più allarmante risultò lo studio sulla sopravvivenza dopo i primi anni di infanzia, con il 61% di bambini rimasti in vita contro il 39% di femmine, evidentemente per le minori cure riservate loro rispetto ai fratelli.
Con una popolazione di oltre un quinto inferiore, il Pakistan offre un quadro altrettanto sconcertante, anche se in questo caso i dettagli non vengono dall’Unicef ma dal servizio sanitario nazionale. Risulta che ogni minuto un infante muore di diarrea e infezioni acute del tratto respiratorio e che ogni anno circa 400.000 bambini non superano il primo anno di vita.
A poco sono valsi finora i numerosi programmi di riduzione della povertà promossi da India e Pakistan, più preoccupati ad armare i propri confini che a spendere soldi di bilancio nell’igiene, l’educazione e l’assistenza sanitaria. Ma questo l’Unicef non lo dice, limitandosi a notare che, come sempre, le condizioni peggiori per la salute dell’infanzia si creano nei luoghi di conflitto, o – nel caso dei due vicini perennemente in stato di allarme atomico – in conseguenza delle spese destinate alla guerra.
Se assieme al Pakistan e all’India il record negativo delle morti alla nascita spetta alle repubbliche centrafricane e all’Afghanistan, è sorprendente notare che in altre nazioni vicine e altrettanto povere come il Bangladesh o il Nepal le possibilità di sopravvivenza siano decisamente più alte. Commentando i dati, Dilip Mavlankar, direttore dell’Istituto indiano di salute pubblica, ha detto che i programmi di vaccinazione possono ridurre la mortalità infantile ma non quella neonatale. Per questo serve rafforzare programmi come «l’assistenza domiciliare e medica, promuovere l’allattamento al seno, nutrire i bambini sottopeso e le madri, prevenire i matrimoni precoci e ridurre la malnutrizione delle ragazze».
Nello stesso Paese appaiono enormi le disparità tra i diversi stati. Mentre Kerala e Goa hanno tassi di mortalità neonatale di 10 ogni 1.000 nati vivi, in Bihar e Uttarakhand sale a 44, quasi al livello del Pakistan. Statistiche analoghe riguardano l’Uttar Pradesh, il Bihar, il Madhya Pradesh e il Rajasthan dove nasce il 46% dei bambini indiani e dove si registra il 57% delle morti neonatali.

Oltre l’80% di questi decessi è dovuto a parti prematuri e infezioni come sepsi, meningite e polmonite. Malattie – dice l’Unicef – prevenibili con un’assistenza sanitaria a prezzi accessibili e funzionari medici addestrati.
Peccato che l’India spenda solo 10 miliardi di dollari per la sanità contro i 53 miliardi l’anno per rafforzare la difesa, mentre il Pakistan paga per armarsi 12 miliardi, e meno di 200 milioni per ospedali e servizi di assistenza medica nelle aree rurali, dove vive la gran parte della popolazione povera.
Una logica di bilancio statale che nessuna statistica delle Nazioni Unite potrà mai spiegarci.

in “la Repubblica” del 21 febbraio 2018

“Why legitimatizing Fascism is a mistake”

VLADIMIRO ZAGREBELSKY

“Fascism is dead and buried. Fascism is not a danger: they are all dead. Fascism, which was born as a socialist movement, needed Mussolini or Hitler to raise. Without Mussolini or Hitler around, nothing can happen. What’s actually dangerous is the anti-fascism movement born within the Italian social centers, as we saw in Piacenza with the aggression against that Policeman”.

We have been feed so much nonsense this latest election campaign, it is now impossible to be bewildered. But we cannot fail to comment such a farfetched reconstruction according to which Fascism = Socialism + Mussolini, whose death decrees also the death of fascism. And little deserves to be said about the insulting attempt to taking over anti-fascism, the root of our Constitution, by the action of a few violent criminals who are illegally hiding behind a flag with which they have nothing to do with.

Nor should we shrug our shoulder, thinking that it is just small talk breaking between TV commercials. Nostalgic right voters might feel legitimized in the political arena: just imagine the effect it would have in a Europe that is dealing with what is going on in Hungary and Poland.

Actually, the words coming out of Berlusconi’s smiling mouth must be taken very seriously, because for some time now, many Italians no longer hesitate to pronounce those words. And one of these words is fascism. When Fascism is mentioned, what remains silent are the use and praise of the baton against adversaries, the abolition of the Parliament (and the killing of the Socialist Giacomo Matteotti), the single ruling party, the prison and confinement for the anti-fascists, the racial laws, the colonial wars and that one next to the Nazis. But, in Italy we often hear that fascism has also done some good things. The newspaper “Libero” has published a list of 100 good things about fascism. Salvini, head of the League, contradicted President Mattarella when he recalled the pension system and the reclamation of the Roman swamps.

Mattarella, on the Holocaust Remembrance Day, had said, “Let us not forget, nor hide the terrible and inhumane things that have been committed in our country with the complicity of state bodies, intellectuals, jurists, citizens, all submissive to an ideology enemy of man”. And added: “It’s surprising to hear, even today, that fascism deserved some merit, but made two serious mistakes: i.e. racial laws and having entered into war. This is a grossly wrong and unacceptable statement that must be rejected with determination. Fascism – the President said – had no merits”. The latter statement itself is easily open to criticism, if you believe that any regime does at least something good. During Hitler’s regime, for example, the first motorway network was built in Germany. Yet, who would say in today’s political debate, that Hitler did also some good things? If someone were to say so, as is the case in Italy today with fascism, it would be for a specific political operation. It is said, in fact, that there were racial laws (but that it was Hitler’s fault) and war. But there was also some good. Just let’s not exaggerate. In short, we can discuss and contextualize in history and archive a dead system together with its protagonists. Fascism has become questionable, and so has anti-fascism. After all, even today’s anti-fascism does bad things, such as violence in social centers which is how we get to Berlusconi’s latest statement.

By relativizing the judgment on Fascism and rejecting every topicality of a fascist perspective, we exclude the topic from the field of serious issues to be discussed. Such a position is part of a context marked by political groups that claim their fascist roots, who use fascist symbols and open hundreds of web pages dedicated to fascism and its merits. But even if those sites and claims by groups and pseudo-groups are joined by an inevitably limited number of people, the problem cannot be easily overlooked.

Traces of fascism are emerging in a large part of the political world and in the public opinion, even if there is no longer any reference to the baton or to the black shirt. We can spot them in the ideology and hatred against the “other”, against those who are “different”, in the attack on the Parliament as a place for political debate and mediation, in the exaltation of an impossible direct and easily plebiscitary democracy, in claiming an autarchic nationalism as a way to attack Europe. Let alone the language that in the political debate has lost all restraint and respect for the opponents. It is not about this or that episode, nor this or that statement, but it is the present climate the real cause for alarm which we cannot allow ourselves to ignore.  (Translated by Anna Martinelli)

La Stampa, 20 febbraio 2018

Ibridi uomo-pecora: «C’è un limite da rispettare»

Enrico Negrotti 

«In questo caso non sono stati fusi i genomi, ma non si può manipolare l’embrione, rischiando di alterare la natura dell’uomo. Va ricordato che le differenze tra le specie non sono barriere facili da superare, e senza rischi». Commentando l’annuncio che viene dagli Stati Uniti di un esperimento con cellule umane inserite in un embrione di pecora Domenico Coviello, direttore del Laboratorio di genetica umana dell’ospedale Galliera di Genova, sottolinea un altro aspetto: «Avere organi per i trapianti in questo modo è ben lungi dall’essere a portata di mano: non si devono illudere i malati». 

Qual è il significato scientifico di questo esperimento?

Va chiarito che in questo esperimento non c’è stata una fusione di cellule, una commistione del genoma umano con quello animale. L’embrione è partito totalmente autonomo, con genoma animale, e solo dopo l’inizio dello sviluppo le cellule ovine sono state affiancate da cellule umane: non quelle embrionali – in grado di formare un individuo – ma cellule adulte riprogrammate, quindi portate indietro nello sviluppo per essere molto più “elastiche”, in grado di adattarsi all’ambiente. 

Quali gli obiettivi?

L’idea è di poter avere organi compatibili con la sopravvivenza in un organismo umano. Ma l’esperimento è durato veramente poco tempo, solo 28 giorni. Lodevole pensare di giovare a persone che aspettano un organo da trapiantare e sono sospese nella loro sofferenza, ma la strada è ancora molto lunga: da questo esperimento a poter avere un organo che possa condividere queste cellule umane in un organo animale ne corre. Diciamo che è un tentativo verso questo traguardo. 

Le chimere, organismi misti uomo-animale, sono vietati dalla legge 40 e condannati da un parere del Comitato nazionale per la bioetica. Perché?

Perché c’è il rischio di ottenere qualcosa che modifichi in modo drammatico e non naturale l’essere umano. Da un lato sappiamo che ci sono voluti millenni per piccole modifiche che continuamente si producono nell’evoluzione, che favorisce l’elemento ottimale. Diverso è manipolare genomi dove i risultati sono inattesi e ignoti. La scienza non si può bloccare, sarebbe come rinnegare la natura umana, ma la conoscenza umana è anche fatta per regolare le applicazioni: quando queste metodiche potessero drasticamente variare il genoma umano andremmo nell’inatteso e in un grave pericolo per la specie umana, che fa sorgere quindi enormi dubbi etici. Perché non sappiamo bene che cosa possa derivarne.

Che differenza c’è tra la chimera e lo xenotrapianto?

La grossa distinzione è tra organo e intero organismo. Quindi ben vengano gli studi condotti sinora che cercano di ottenere organi utilizzando cellule staminali adulte. Applicare metodiche nuove per l’organo va bene perché se qualcosa non funziona si distrugge l’organo stesso. Diverso – quello che è assolutamente vietato – è manipolare l’embrione, che può dare origine a una specie “deviante”.

Quanto sono solo futuribili gli obiettivi di questi esperimenti?

Alcune tecniche possono aiutare l’uomo, ma che la via della chimera sia utile o potenzialmente fattibile mi pare poco probabile. Perché la natura ha fatto cose così grandi, e noi a poco a poco ne comprendiamo solo brevi pezzetti: se cresce il raggio della nostra conoscenza, cresce ancora di più la circonferenza di quel che non sappiamo. E se esistono specie differenti ci sono motivi validi. Quello della differenza tra una specie e l’altra è veramente un passo assai rilevante: non so quanto sia realizzabile, quanto si riveli un’illusione per le persone che soffrono, e quanto sia sicuro per la specie umana.

Come dovrebbero porsi gli scienziati quando affrontano strade che toccano l’essenza della specie umana? Gli obiettivi di curare persone malate possono superare perplessità etiche?

Come ricercatore e scienziato penso che il fine non giustifichi i mezzi. Rispettare il limite è il nostro compito, ma è anche compito della stampa e della cittadinanza essere coscienti di quello che avviene per dare un giudizio e decidere qual è il limite nell’applicare le conoscenze scientifiche. Questo è il motivo per cui si dice che l’embrione umano non si deve toccare. Anche la tecnologia Crisp/ Cas (alla base dell’editing genetico, ndr) ha senso se si usa sulle cellule, non sull’embrione.

Avvenire, martedì 20 febbraio 2018

Siria. Una nuova e pericolosa escalation

Riccardo Redaelli

Il vaso di Pandora ha cominciato a riaprirsi. Era evidente che la miopia nel gestire il dopo-Daesh e l’incapacità di riavviare un tavolo negoziale credibile sulla Siria, a seguito della netta vittoria militare del regime di Damasco, avrebbero congiurato per scoperchiarne uno nuovo, e ancor più pericoloso. E ora rimaniamo a guardare annichiliti dai rischi di escalation e dalla difficoltà a comprendere i complicati contorsionismi di alleanze e contro alleanze che si stanno dipanando sul martoriato territorio siriano.

Le forze corazzate turche stanno stringendo in una morsa Afrin, che le milizie curde dell’Ypg – considerate come terroristi da Ankara – non sono in grado di difendere. A dare man forte ai curdi, appoggiati dagli Stati Uniti, si sono mosse ora colonne militari dell’esercito regolare siriano, appoggiate da Iran e Russia, formalmente nemici sia dei curdi sia – soprattutto – degli americani. La risposta turca non si è fatta attendere, con pesanti bombardamenti che segnalano la determinazione di un Erdogan che pare non temere più nulla e nessuno.

Una mossa – quella di Assad – che rischia di mandare in corto circuito tutte le alleanze in quello scacchiere, sempre che queste siano ancora dotate di senso strategico. Siriani, iraniani e russi sono allo stesso tempo su fronti opposti e de facto alleati con Washington. Vediamo un Paese Nato come la Turchia muoversi spesso contro gli interessi occidentali, sfidando apertamente l’Amministrazione Trump e flirtando con Mosca; ma allo stesso tempo in rotta di collisione con gli alleati russi sul territorio. Ossessionati da un estremismo anti-iraniano che compiace Arabia Saudita e Israele, gli strateghi statunitensi si ritrovano sempre più vicini ai movimenti sunniti eredi dei gruppi qaedisti nel Levante.

Insomma, una confusione strategica che frantuma ogni fronte e crea divisioni dentro le singole fazioni. E che rende quasi impossibile mappare le aspirazioni dei singoli attori e le loro reali percezioni di minaccia. Ossia, i due elementi di base da cui partire per costruire un possibile scenario geopolitico. Se la Turchia dovesse continuare con la mano pesante contro le milizie Ypg e i loro alleati arabi, cosa faranno i consiglieri militari Usa che quelle milizie contribuiscono ad addestrare e armare? E come si comporteranno verso le forze siriane e le milizie sciite che stanno soccorrendo i curdi? Quelle stesse forze di cui Washington ha ordinato il bombardamento giorni fa, rischiando di alzare il livello di scontro con la Russia.

Ora, in questo confuso corpo a corpo fra troppi contendenti, si rischia di rimanere invischiati nel tatticismo del momento, perdendo di vista l’obiettivo vero che tutti si devono porre. Ovvero, smettere di rosicchiare qualche chilometro di territorio siriano pensando di ottenere chissà quale rafforzamento, per riavviare la macchina diplomatica internazionale. Occorre avere il coraggio di riaprire un tavolo a cui devono sedersi tutti gli attori presenti senza pre-condizioni e preclusioni. Il che significa da parte occidentale accettare l’ovvietà dei fatti, ossia che Iran e Russia devono far parte della soluzione del problema siriano, non possono essere escluse per compiacere qualche Stato mediorientale. Da parte iraniana serve invece smettere di sostenere incondizionatamente un dittatore feroce e impresentabile come Assad, limitando le provocazioni contro arabi sunniti e israeliani. La Turchia non può negare che i curdi abbiano voce in capitolo nel dopo Daesh, mentre questi ultimi devono superare le divisioni interne e frenare le loro ambizioni territoriali.

Per quanto impervia e scivolosa, la ripresa di una forte azione diplomatica internazionale è l’unica alternativa al rischio di una nuova esplosione incontrollata di violenza, dalle conseguenze imprevedibili e comunque disastrose. Con la consapevolezza politica che vi è chi soffia sul fuoco e spinge all’estremismo, e con quella umanitaria che chi paga il prezzo maggiore – ogni giorno e in modo atroce – non sono i politici e i generali, ma la popolazione siriana, di ogni fede e etnia, uccisa da bombardamenti e scacciata dalle proprie case. Chi mai renderà conto dei morti, delle donne che piangono figli e mariti uccisi, delle famiglie sospinte verso l’esilio e i campi profughi, dell’odio seminato a piene mani fra comunità che condividono da sempre quel territorio?

in AVVENIRE mercoledì 21 febbraio 2018