“Welcoming differences”. “Ospitare le differenze”

Pope Francis

AR  – DE  – EN  – ES  – FR  – IT  – PL  – PT ]

It is a source of joy and hope to begin this pilgrimage to the Baltic countries in Lithuania, which is, in the words of Saint John Paul II, “a silent witness of a passionate love for religious freedom” (Welcome Ceremony, Vilnius, 4 September 1993).

I thank you, Madam President, for your cordial words of welcome in your own name and that of your people.  In addressing you, I wish to greet in the first place the entire Lithuanian people, who today open to me the doors of their homes and of their homeland.  To all of you I express my affection and sincere gratitude.

This visit takes place at a particularly important moment in your life as a nation, for you celebrate this year the centenary of your declaration of independence.

It has been a century marked by your bearing numerous trials and sufferings: detentions, deportations, even martyrdom.  Celebrating the hundredth anniversary of independence means taking time to stop and revive the memory of all those experiences.  In this way, you will be in touch with everything that forged you as a nation, and thus find the key to assessing present challenges and looking to the future in a spirit of dialogue and unity with all those who dwell here, careful to ensure that no one remains excluded.  Each generation is challenged to make its own the struggles and achievements of the past, and to honour in the present the memory of all those who have gone before.  We do not know what tomorrow bring, yet we do know that each age has the duty to cherish the “soul” that created it and helped it to turn every situation of sorrow and injustice into opportunity, preserving alive and healthy the roots that nurtured the fruits we enjoy today.  Truly, this people has a strong “soul” that enables it to hold fast and to keep building!  This is the prayer voiced in your national hymn: “May your sons draw strength and vigour from your past experience”, so as to face the present with courage.

“May your sons draw strength and vigour from your past experience”

Throughout its history, Lithuania was able to shelter, receive and accept peoples of various ethnic groups and religions.  All found a place to live in this land – Lithuanians, Tartars, Poles, Russians, Belarusians, Ukrainians, Armenians, Germans … Catholics, Orthodox, Protestants, Old Catholics, Muslims, Jews – lived together in peace until the arrival of totalitarian ideologies that, by sowing violence and lack of trust, undermined its ability to accept and harmonize differences.  To draw strength from the past is to recover those roots and keep alive all that continues to be most authentic and distinctive about you, everything that enabled you to grow and not succumb as a nation: tolerance, hospitality, respect and solidarity.

If we look at the world scene in our time, more and more voices are sowing division and confrontation – often by exploiting insecurity or situations of conflict – and proclaiming that the only way possible to guarantee security and the continued existence of a culture is to try to eliminate, cancel or expel others.  Here you Lithuanians have a word of your own to contribute: “welcoming differences”.  Through dialogue, openness and understanding, you can become a bridge between Eastern and Western Europe.  This is the fruit of a mature history, which you as a people can offer to the international community and to the European Community in particular.   You have suffered “in the flesh” those efforts to impose a single model that would annul differences under the pretence of believing that the privileges of a few are more important than the dignity of others or the common good.  As Benedict XVI rightly pointed out: “to desire the common good and strive towards it is a requirement of justice and charity … The more we strive to secure a common good corresponding to the real needs of our neighbours, the more effectively we love them” (Caritas in Veritate, 7).  All conflicts presently emerging will find lasting solutions only if those solutions are grounded in the concrete recognition of [the dignity of] persons, especially the most vulnerable, and in the realization that all of us are challenged “to broaden our horizons and see the greater good which will benefit us all” (Evangelii Gaudium, 235).

In this sense, to draw strength from the past is to pay attention to the young, who are not only the future but also the present of this nation, if they can remain attached to the roots of the people.  A people in which young persons can find room for growth and for employment, will help them feel that they have a leading role to play in building up the social and communitarian fabric.  This will make it possible for all to lift their gaze with hope to the future.  The Lithuania of which they dream will depend on tireless efforts to promote policies that encourage the active participation of young people in society.  Doubtless, this will prove a seed of hope, for it will lead to a dynamic process in which the “soul” of this people will continue to generate hospitality: hospitality towards the stranger, hospitality towards the young, towards the elderly, who are the living memory, towards the poor, and, ultimately, hospitality towards the future.

I assure you, Madam President, that you can continue to count on the efforts and the cooperation of the Catholic Church, so that this land can fulfil its vocation as land that serves as bridge of communion and hope.

APOSTOLIC JOURNEY OF HIS HOLINESS POPE FRANCIS  TO LITHUANIA, LATVIA AND ESTONIA [22-25 SEPTEMBER 2018]. MEETING WITH THE AUTHORITIES, WITH CIVIL SOCIETY AND WITH THE DIPLOMATIC CORPS, Square in front of the Presidential Palace (Vilnius, Lithuania) , Saturday, 22 September 2018

Pio XII “nemico” segreto della Germania nazista

Paolo Rodari

Grazie alle carte ritrovate nell’archivio vaticano, lo studioso belga Johan Ickx ricostruisce l’impegno clandestino del giovane Eugenio Pacelli contro la propaganda bellica tedesca, durante la prima guerra mondiale.

Il 25 agosto del 1914 i tedeschi diedero fuoco a Lovanio: oltre duemila palazzi, l’Accademia di Belle Arti, i collegi storici della vecchia università, il teatro civico, la Universiteitshal e la collegiata di San Pietro, furono ridotti in cenere. Insieme alla cattedrale di Reims, rasa al suolo poco dopo, la distruzione della biblioteca universitaria di Lovanio divenne un simbolo della barbarie teutonica. Per l’immaginario collettivo, inculcato dalla propaganda tedesca, il Belgio divenne abitato da terroristi socialisti sul fronte vallone e da preti fanatici su quello fiammingo, i quali insieme istigavano la popolazione contro l’invasore.

Trentatré studiosi tedeschi pubblicarono il manifesto An die Kulturwelt, “Appello al mondo della cultura”, nel quale negavano l’esistenza di una politica tedesca del terrore a Lovanio e legittimavano la condotta di guerra della Germania. Ma un report rimasto nei cassetti vaticani svela dell’altro. È lo storico belga Johan Ickx, responsabile dell’archivio storico della segreteria di Stato vaticana e consultore della Congregazione per le cause dei santi, a parlarne in Diplomazia segreta in Vaticano (Cantagalli), un libro su cui la Santa Sede mette la firma anche con la prefazione del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin.

Il report parla dell’esistenza di un gruppo segreto attivo nel cuore di Roma: il “club dei cinque”, legato all’operato di Eugenio Pacelli, futuro Pio XII, nel 1914 segretario della Congregazione degli affari ecclesiastici straordinari, che presso la Santa Sede cercò di smascherare la propaganda bellica tedesca. La Germania giustificava, col placet delle diplomazie di mezzo mondo, la distruzione di Lovanio come rappresaglia alla presunta azione dei franchi tiratori. Pacelli si mosse per smontare questa tesi, anche se riuscì a convincere Benedetto XV solo nel 1915, un anno dopo i fatti, a causa della titubanza, poi giudicata interessata, dell’allora nunzio in Belgio Giovanni Tacci e del collaborazionismo sotterraneo dell’incaricato d’affari Emanuele de Sarzana. Pacelli, criticato per i silenzi sull’Olocausto quando venne eletto al soglio di Pietro, si mosse per convincere Benedetto XV dell’ipocrisia tedesca. Tanto che secondo Ickx anche la sua nomina anni dopo alla nunziatura bavarese non ebbe a che fare con un’ipotetica vena germanofila, ma con il contrario: la consapevolezza vaticana che occorreva mandare in terra tedesca un nunzio che sapesse di cosa fosse capace la Germania del tempo. Pacelli si mosse sotto impulso di monsignor Deploige, professore di filosofia dell’Università di Lovanio, che lo aiutò nel coagulare il “club dei cinque”. Il gruppo fu composto da un belga, un francese, un inglese, un romeno e un giapponese.

Coordinavano, con il supporto del cardinale Gasquet, benedettino inglese, azioni per esercitare pressione sull’orientamento della diplomazia della Santa Sede. Oltre ai personaggi principali, la storia verte su due documenti: il report segreto di 22 pagine dattiloscritte e l’analisi di queste scritte dallo stesso Pacelli. Il rapporto fu firmato dal rettore dell’Università di Lovanio, Paulin Ladeuze. Monsignor Tacci, incaricato dalla segreteria di Stato di reperire i testi, decise di tenerli nel cassetto tanto che arrivarono a Benedetto XV un anno dopo i fatti. I commenti di Pacelli sono stati custoditi per un secolo nell’archivio storico della sezione per i rapporti con gli Stati della segreteria di Stato. Da essi si evince cosa il futuro Papa pensasse: le sparatorie che ebbero luogo a Lovanio sono da imputare a un complotto. I lovaniesi non hanno sparato. Sono state contate dieci persone che hanno dichiarato che comandanti tedeschi avevano parlato del fatto ancor prima che avvenisse. La distruzione era stata pianificata con premeditazione. Era un attacco che mirava a seminare terrore. Per il ritardo della consegna a Roma del report e per l’atteggiamento servile verso i tedeschi dell’incaricato d’affari della nunziatura a Bruxelles Benedetto XV è ancora ricordato come Deustch freund, amico dei tedeschi.

in “la Repubblica” del 22 settembre 2018

“Non lasciamoci rubare l’amore per la scuola”

Gualtiero Bassetti*

(…) Il tema di questo convegno riprende le parole che papa Francesco ha rivolto ai giovani in diversi momenti, fin dall’inizio del suo pontificato cinque anni fa: «Non abbiate paura di sognare cose grandi!». E a me sembra quanto mai appropriata la scelta di applicare questo invito alla scuola, dove incontriamo proprio quei giovani ai quali si rivolge il Papa.

Che cosa vuol dire sognare in grande? A mio avviso, significa essenzialmente tre cose: innanzitutto, avere il coraggio della libertà; in secondo luogo, avere il coraggio della responsabilità; e infine avere il coraggio di pensare senza schemi ideologici o preconcetti culturali. Perché è nel pensiero libero e responsabile che si ha il potere di immaginare una realtà diversa e – come disse Francesco Gesualdi, un allievo di don Milani – di costruire una scuola “di scienza e di lingua, di pensiero e di vita” che sia capace di interpretare e “capire la realtà”.

Queste parole mi permettono di introdurre questo mio breve saluto che si articolerà attorno a tre spunti di riflessioni. Innanzitutto, sottolineare la fondamentale funzione sociale della scuola all’interno della comunità. In secondo luogo, lanciare un messaggio di incoraggiamento a tutti coloro che vivono nelle strutture educative e che a me piace chiamare i “cittadini” della scuola. E infine, delineare le sfide della scuola di oggi.

La funzione sociale della scuola

Parto dal primo punto: sottolineare che la scuola svolge una funzione fondamentale all’interno della comunità significa che la scuola è, senza dubbio, uno dei centri propulsori della nostra società.

D’altra parte i numeri sono impressionanti: 9 milioni di alunni; 900 mila insegnanti; ogni persona ci trascorre dentro dai 10 ai 16 anni. I numeri da soli, però, non ci dicono tutto. Ci forniscono solo una prima fotografia. Dobbiamo andare più in profondità. Dobbiamo, cioè, avere la piena consapevolezza della sua missione sociale.

L’ho già detto in più occasioni e lo voglio ribadire ancora oggi, prendendo a prestito le parole di don Milani: “La scuola mi è sacra come un ottavo comandamento”. La sua funzione, cioè, non può essere ridotta ad una visione aziendalistica – tutta basata sull’efficienza, sui risultati raggiunti e sugli studenti considerati alla stregua dei clienti – o ad una visione burocratica, in cui le procedure soffocano la libertà e la capacità delle singole persone.

La scuola è sacra, dunque, per tre motivi: in primo luogo, perché ha il compito di trasmettere la cultura e il sapere di una comunità, di una nazione, di una civiltà di “generazione in generazione”; in secondo luogo, perché vive in strettissimo rapporto con le famiglie, stipulando con loro un’alleanza educativa che, non mi stancherò mai di sottolinearlo, rappresenta il cuore pulsante della società attuale e di quella futura; infine, perché mette al centro della sua azione la dignità della persona umana: dello studente, del professore e di tutti gli operatori scolastici. Partendo sempre dal più debole: ovvero il povero, il disabile, il forestiero, il precario, il pendolare.

Tutti uniti alla ricerca del vero, del bello e del futuro, per la promozione e lo sviluppo della dignità umana.

Messaggio ai “cittadini” della scuola

A questi “cittadini della scuola”, e vengo al secondo punto, vorrei dare alcune parole di incoraggiamento. Partendo dai principali protagonisti a cui è rivolta la scuola: ovvero gli alunni. Francesco, nella grande giornata dedicata a La Chiesa per la scuola il 10 maggio 2014, ha impostato il suo discorso sull’amore e ha detto: «Noi siamo qui perché amiamo la scuola. E dico “noi” perché io amo la scuola, io l’ho amata da alunno, da studente e da insegnante. E poi da V escovo».

Quanti di noi possono ripetere queste parole? Quanti di noi hanno amato e amano la scuola? Eppure è a scuola che abbiamo fatto tante esperienze importanti per la nostra vita. Ecco perché ai giovani vorrei dire di amare la scuola, amarla anche quando non corrisponde ai propri desideri e soprattutto di darsi da fare perché possa migliorare: con il dialogo, la pazienza, l’impegno di tutti.

Ai genitori vorrei dire ugualmente di avere fiducia nella scuola. È sempre più comune dire che oggi si è rotto il patto educativo tra scuola e famiglia, è finita quella fiducia che faceva lasciare i propri figli nelle mani degli insegnanti con la certezza che gli insegnanti avrebbero dato loro il meglio. Ed è vero: oggi si è insinuata una cultura del sospetto anche nella scuola; tanti episodi indubbiamente lo giustificano. Nonostante ciò, la scuola rimane sempre un luogo di accoglienza e di crescita insieme, una comunità in cui tutti devono potersi confrontare con franchezza e con fiducia reciproca.

Indubbiamente ci sono dei problemi nella scuola: sia dal punto di visto didattico- organizzativo che da quello comportamentale e umano. A volte ci sono degli episodi molto gravi che bisogna denunciare senza paura e affrontarli seriamente e con decisione. Non bisogna però generalizzare: ci sono tante scuole che vanno avanti senza fare notizia, tanti ragazzi e famiglie che trovano nella scuola la soddisfazione alle proprie attese educative e, soprattutto, tanti insegnanti appassionati del loro lavoro che, nonostante le poche gratificazioni, vivono la scuola con uno spirito di missione veramente unico.

Proprio a loro, agli insegnanti vorrei dedicare il mio più vigoroso messaggio d’incoraggiamento. Il mestiere dell’insegnante è indubbiamente faticoso e talvolta capita di non trovare la soddisfazione desiderata. Tuttavia, sono fermamente convinto che quello dell’insegnante, come di ogni educatore, rimane uno dei lavori più belli del mondo: ogni giorno a contatto con giovani studenti che necessitano di un aiuto, non tanto per imparare una nuova nozione, ma per costruire la propria vita. L’educazione è una scommessa con la libertà umana: con i rischi, le sconfitte e i successi propri della libertà. Con il mutare dei tempi, entrano in crisi e cambiano i modelli di scuola, ma il rapporto tra allievo e maestro non può essere eliminato: è assolutamente centrale.

È soprattutto nei momenti di sconforto – che sicuramente non mancano – che bisogna tornare a porsi le domande fondamentali, tornare a riflettere sul senso del fare scuola, dell’essere insegnanti. Perché non saranno le tecnologie, né le riforme di sistema, né le nuove metodologie a salvare la scuola. La scuola sarà salvata soltanto da insegnanti motivati e consapevoli del loro ruolo di educatori, al servizio degli alunni più che delle loro materie. Per questo – lasciatemi aggiungere – una società che non riconosce una elevata dignità sociale all’educatore è una società estremamente autolesionista e con scarse risorse di umanità. In definitiva, una società che non ha futuro!

Parlando agli insegnanti vorrei infine aggiungere qualche parola per gli insegnanti di religione. Alle difficoltà comuni della professione insegnante essi aggiungono quelle di una disciplina “diversa”, ritenuta debole, spesso oggetto di polemiche pretestuose o strumentali. La forza degli insegnanti di religione sta nella relazione umana che essi instaurano con i loro alunni. Molte ricerche ci dicono che gli insegnanti di religione sono in larga maggioranza soddisfatti del loro lavoro, hanno buoni rapporti con il mondo della scuola e sono generalmente molto apprezzati

dai loro alunni. A tutti loro posso dire di continuare su questa strada, senza paura, con coraggio e senza sentirsi di docenti marginali ma al contrario di sentirsi orgogliosi per il prezioso servizio che svolgono alla società e alla scuola. E in questo lavoro devono poter contare sul sostegno degli uffici diocesani (mi rivolgo ora ai tanti responsabili presenti in sala), che devono costituire con questi insegnanti una vera comunità, basata sulla reciproca stima e fiducia.

La sfida di oggi: una nuova primavera per la scuola

La “sacralità” della scuola e l’importanza di tutti i ruoli all’interno delle strutture educative sono le due condizioni fondamentali per affrontare le sfide attuali. Gli episodi di bullismo – nei confronti sia degli studenti che dei docenti – delineano un orizzonte cupo non solo della scuola ma della società occidentale. Sembra che in ogni luogo ci sia un’avanzata inesorabile di uno stile di vita nichilista che appiattisce tutto e toglie di significato ad ogni realtà sociale. Bisogna dare una risposta alta a questa deriva sociale e culturale, dando un senso alla vita che svolgiamo e alle istituzioni che viviamo.

Per questo penso, che la prima sfida per la scuola di oggi consiste nel tornare a ripensare la scuola. La scuola non può limitarsi a fornire solo “istruzioni per l’uso”, ovvero una serie di conoscenze tecniche particolari slegate da una visione d’insieme. Il mio invito vorrebbe dunque essere quello di tornare spesso a interrogarsi sul significato della scuola, sulle sue finalità più profonde, e di conseguenza interrogarci sul contributo che possiamo dare – ognuno nel proprio ruolo specifico – alla sua crescita. Che è poi il modo migliore per fare pastorale scolastica.

La scuola è la più grande agenzia educativa del mondo contemporaneo e dunque non può essere pensata distrattamente, ma merita di avere la massima attenzione da parte di tutti: non solo per denunciare ogni volta ciò che non funziona, ma per iniziare a costruire il futuro. La scuola quindi deve essere pensata e ripensata nel suo essere un sistema complesso e dilatato sull’intero Paese.

Dobbiamo allora non farci dettare l’agenda dal piccolo cabotaggio degli interventi occasionali, degli interessi corporativi, dei ritocchi spacciati per riforme epocali. La scuola vale in quanto scuola, in quanto luogo educativo per eccellenza, in quanto bene comune per tutta la società.

Qualche settimana fa, concludendo i lavori del Consiglio permanente della CEI, ho usato l’immagine dell’inverno per segnalare alcuni elementi che caratterizzano il momento presente, come il disagio diffuso, la paura del diverso, la disaffezione per la ricerca del bene comune. La stessa metafora è usata anche per indicare l’impressionante invecchiamento del nostro Paese e per sottolineare la crisi delle tradizionali realtà educative. Secondo alcuni, infatti, stiamo vivendo un “inverno educativo”. Sono tutti aspetti diversi di quella che è la povertà più preoccupante della nostra società: la povertà di speranza. È questa che fa rinunciare a sognare e ad educare. Lo constatate anche voi. Va però aggiunto che se c’è un luogo in cui la primavera si può intravvedere e perfino aiutare a germogliare, quel luogo è la scuola.

Ecco la seconda sfida per la scuola: far sorgere una nuova primavera per la scuola. Una primavera che sorga dal basso delle aule e non dall’alto di qualche stanza ministeriale. Una nuova primavera che si fondi sulla valorizzazione dei tanti, tantissimi, talenti inespressi dei nostri ragazzi e dei nostri docenti. Talenti preziosissimi ma sciupati: non considerati, non riconosciuti e in definitiva confinati ai margini della nostra società.

È questo il mio sogno più grande, che vado ripetendo da tempo. Occorre valorizzare i talenti che vivono la scuola. E questo può essere fatto, a mio avviso, solo da chi vive le strutture educative, dai “cittadini della scuola”. Mi rivolgo perciò a tutti gli operatori scolastici: voi scorgete prima di tutti i segni della primavera. Li vedete ogni volta che fate emergere le migliori risorse delle persone, che riuscite ad andare oltre le maschere che non solo i giovani ma anche tanti adulti indossano. Ogni volta che aiutate coloro che stanno crescendo ad acquistare fiducia in se stessi e negli altri.

Voi dunque potere far nascere dal basso una nuova primavera della scuola che può sorgere attorno a tre concetti: libertà di pensiero, libertà educativa, valorizzazione dei talenti.

E proprio per questo, vorrei concludere con una grande esortazione di speranza che vale per tutte le componenti della scuola. Cari amici, nella scuola c’è il nostro presente, in cui si trasmette il passato, per costruire il futuro.

Per questo motivo, come ha detto Francesco, “non lasciamoci rubare l’amore per la scuola”.

*Presidente della CEI

 

A 30 anni 4 laureati su 10 senza lavoro o sottoccupati

ANSA 22 settembre 2018

L’Italia non è un Paese per giovani (laureati):a 30 anni infatti, 4 su 10 sono senza lavoro o sottoccupati. E’ quanto risulta dai dati dell’Osservatorio statistico dei consulenti del lavoro secondo il quale nel 2017 degli oltre 1,7 milioni di trentenni con la laurea, il 19,5% (344.000) è privo di occupazione, e un ulteriore 19% (circa 336.000) opera in posizioni professionali che non richiedono laurea.

Fra i giovani laureati della Penisola, invece si evidenzia nel dossier c’è un 61,5%, che riesce a lavorare mettendo a frutto il titolo di studio conseguito. Nel 2017, il tasso di occupazione dei trentenni laureati (81,3%) è superiore di 8 punti percentuali rispetto ai giovani diplomati di pari età ed arriva a 24 punti percentuali rispetto ai trentenni con la sola licenza media. Le prospettive d’inserimento nel mercato occupazionale, spiega quindi lo studio, “migliorano per coloro che hanno raggiunto almeno un titolo secondario superiore”, e si rivelano “massime per chi giunge a conseguire un titolo universitario”. Il vantaggio nel possedere un livello di istruzione più elevato (e poterlo ‘spendere’, esercitando un’attività professionale) è più marcato, si legge, “per le donne trentenni, specie nel Mezzogiorno”.

Il titolo di studio ‘pesa’ in busta paga: la retribuzione mensile media dei laureati dipendenti, infatti, “è pari a 1.632 euro, ovvero il 30% in più di un occupato con la licenza media (1.139) e del 20% di un diplomato (1.299)”. Lo fa sapere l’Osservatorio statistico dei consulenti del lavoro, segnalando, però, come “un trentenne psicologo guadagni mensilmente 1.351 euro (solo 52 euro in più di un coetaneo diplomato), mentre un ingegnere (1.850), un medico (1.869) percepiscono come retribuzione oltre 550 euro in più rispetto ad un diplomato”.

 

L’accordo Vaticano-Cina un successo di Francesco

Andrea Riccardi

La firma dell’accordo fra Santa Sede e Repubblica popolare cinese è ormai certo. Mons. Antoine Camilleri, sottosegretario vaticano per i rapporti con gli Stati, sottoscrive in questi giorni il primo testo in comune tra due «potenze» così asimmetriche, la Cina e la Santa Sede, le quali non hanno mai avuto rapporti ufficiali dal 1949, quando Mao Zedong proclamò la Repubblica Popolare.

Nel 1951, l’internunzio vaticano a Pechino, Riberi, che non aveva avuto alcuna relazione con le nuove autorità comuniste, dovette lasciare il Paese e si recò a Hong Kong. Cominciò un lungo inverno tra Pechino e il Vaticano, considerato dai cinesi, nel clima della Guerra Fredda, una forza straniera, occidentale e imperialista.

Conseguente a questa visione, fu la creazione dell’Associazione patriottica cattolica cinese nel 1958 per organizzare i cattolici nel nuovo quadro politico. Così, sessant’anni fa, cominciarono le ordinazioni di vescovi non nominati né riconosciuti dal Vaticano, in genere preti che credevano di dover assumere quella posizione per salvare il salvabile.

Nasceva quella che sarebbe stata definita la «Chiesa patriottica», che conservava edifici e luoghi di culto, aperti ai fedeli. D’altra parte si è parlato di una «Chiesa clandestina», con vescovi riconosciuti da Roma, che credevano di dover resistere al controllo governativo. Tra i due mondi, i patriottici e i clandestini, non è avvenuta una biforcazione netta, ma ci sono stati contatti e sovrapposizioni: pur nel quadro di un’unica Chiesa in Cina, il cattolicesimo risulta diviso.

Il primo risultato dell’accordo tra Cina e Vaticano è unificare l’episcopato in unione con il Papa: si crea così una guida unitaria per una Chiesa, sfidata dalla secolarizzazione che tocca in specie i cattolici più giovani, dall’inurbamento, dalle Chiese neoprotestanti, molto attive e organizzate spesso in comunità domestiche. È un grande successo, perché non c’è al mondo una Chiesa così divisa come quella cinese e una divisione tra cattolici non è mai durata così a lungo. L’unificazione è la premessa per un nuovo slancio del cattolicesimo in Cina.

Un altro significativo risultato è che il governo cinese prende sul serio la Santa Sede come interlocutore, anche per risolvere una questione religiosa tra cinesi. In fondo, la Cina, all’apogeo della sua forza politica e economica, assorbita da tante problematiche geopolitiche, avrebbe potuto considerare la diplomazia del Papa come «quantité négligeable». Così non è stato ed oggi il rappresentante del Papa entra a Pechino per la porta principale. Non più negoziati segreti, ma un accordo ufficiale che riconosce dignità alla Santa Sede e al cattolicesimo cinese. È un successo di papa Francesco e del suo segretario di Stato, Parolin, da tempo impegnato nelle questioni cinesi.

Non sono mancate critiche ai negoziati e all’accordo. L’accusa principale è che si consegna il cattolicesimo al potere politico e, con un accordo parziale, si svende una Chiesa che ha avuto tanti martiri.

È la consapevolezza delle sofferenze, assieme alla necessità di affrontare nuove sfide, che ha spinto il Vaticano su questa via, conscio della delicatezza della situazione e del sacrificio di tanti cattolici nel passato. Entrare in un’altra stagione forse non sarà facile per tutti i cattolici. Ma la Chiesa vuole trovare nuovi spazi, in una società divenuta molto più plurale e cangiante che in passato. La politica dell’accordo è quella dei «piccoli passi».

Significativamente il testo firmato non sarà reso pubblico. L’accordo individua un meccanismo, considerato provvisorio e da rodare, per la nomina dei vescovi. È un fatto decisivo per la Chiesa, su cui si è trovato un compromesso: comunità cattoliche cinesi, governo e Santa Sede avranno, tutte e tre, un ruolo nel processo di scelta. Il Papa conserva la possibilità di rifiutare la nomina. Sono meccanismi utilizzati in passato. I governi spagnoli e portoghesi, con il «patronato regio»,

sceglievano i vescovi dei loro domini, che poi il Papa istituiva. Nella Cina del passato, molti affari religiosi erano gestiti dalla Francia. Anche la Spagna di Franco e alcuni Paesi latinoamericani sceglievano i vescovi.

L’accordo non conclude un processo, ma apre una strada, che esigerà un costante rapporto negoziale tra Vaticano e Cina. A questo fine, una rappresentanza vaticana stabile a Pechino aiuterebbe i contatti e l’individuazione di candidati all’episcopato adatti, pastorali e accettati dalla Cina e dai cattolici cinesi. Resta il fatto storico che l’accordo di Pechino, nonostante le discussioni che susciterà, fa cadere uno degli ultimi muri della Guerra Fredda.

in “Corriere della Sera” del 22 settembre 2018

Benedetto XVI: basta, c’è un solo Papa, e non sono io

Andrea Tornielli

Quella del Papa emerito al cardinale Walter Brandmüller pubblicata dalla Bild non era “una” lettera. Erano in realtà due missive. Nella prima, scritta il 9 novembre 2017, Benedetto XVI commentava l’intervista che Brandmüller aveva rilasciato il 28 ottobre alla Frankfurter Allgemeine Zeitung. La seconda è del 23 novembre, ed è stata scritta da Ratzinger in risposta ad una missiva del cardinale. Le due lettere, inizialmente presentate come una, sono state interessatamente rilanciate per contrapporre l’emerito al Papa regnante.

Vale la pena di esaminare innanzitutto la prima lettera. Benedetto XVI risponde alle affermazioni di Brandmüller a proposito della rinuncia al pontificato. Il cardinale, studioso di storia della Chiesa, aveva affermato che Ratzinger decidendo di farsi chiamare “Papa emerito” aveva creato una figura inesistente in tutta la storia della Chiesa. Ecco come risponde l’interessato: «Lei ovviamente sa molto bene che – sebbene rarissimamente – ci sono stati Papi che si sono ritirati. Cosa erano dopo? Papi emeriti? O che cosa altro?».

Benedetto XVI introduce qui un esempio, che ha dato adito a molte speculazioni. «Come Lei sa – scrive Ratzinger a Brandmüller – Pio XII ha lasciato un chiarimento nel caso in cui fosse stato arrestato dai nazisti, in base al quale, dal momento dell’arresto non sarebbe più stato Papa. Non sappiamo se questo ritorno al cardinalato sarebbe stato effettivamente semplice». Benedetto si riferisce qui alla lettera che Papa Pacelli aveva lasciato nel caso di sua deportazione: il collegio cardinalizio avrebbe dovuto considerarlo decaduto e procedere all’elezione del successore. «Così i nazisti deporteranno il cardinale Pacelli, non il Papa», aveva confidato Pio XII ai collaboratori. L’esempio del Papa deportato dai nazisti ha fatto rizzare le antenne agli amanti dei complotti: perché Benedetto XVI ha citato proprio questo esempio? Forse anche lui si è dimesso perché costretto, perché temeva? Da chi sono rappresentati oggi i nemici, i nazisti che minacciavano di arrestare Pio XII?

Dal seguito della lettera appare però evidente che l’esempio viene citato non per proporre un parallelismo di situazione – oggettivamente infondato – ma per attirare l’attenzione sulla parte riguardante l’automatico ritorno del Papa rinunciatario al rango di porporato nel collegio cardinalizio. «Nel mio caso – scrive ancora Ratzinger a Brandmüller – sicuramente non sarebbe stato sensato dichiarare semplicemente un ritorno al cardinalato. Sarei stato permanentemente esposto al pubblico come appunto è un cardinale – anzi, di più, perché in lui si sarebbe visto l’ex Papa. Ciò avrebbe potuto condurre, volendo o non volendo, specialmente nel contesto della situazione attuale, a conseguenze pesanti. Con il Papa emerito ho cercato di creare una situazione nella quale io fossi per i mass media assolutamente inaccessibile e nella quale fosse pienamente chiaro che c’è solo un Papa. Se lei conosce una via migliore e crede di poter condannare quella da me scelta, la prego di dirmelo. La saluto nel Signore».

Dunque Benedetto, spazzando via ancora una volta le assurde teorie sul “papato condiviso”, sul Papa dimissionario che non si è dimesso del tutto, sul Papa che rimane il vero Papa, come pure le sciocchezze ammantate di consistenza canonistica sull’esistenza di un “munus petrinum” a sé stante rispetto al suo concreto esercizio – che farebbe dunque permanere il munus anche a colui che non esercita più la giurisdizione di Vescovo di Roma – cerca di mettere la parola fine sulle elucubrazioni riguardanti la sua rinuncia.

A questa lettera, Brandmüller risponde il 15 novembre 2017, scusandosi con Benedetto per le affermazioni sostenute nell’intervista: si dice dispiaciuto e assicura che non dirà più nulla in proposito, ma con ogni probabilità insiste anche sul “dolore” provocato dalla decisione della rinuncia. Il Papa emerito, che evidentemente era rimasto toccato e ferito dalle parole di

Brandmüller, replica il 23 novembre, con un’ulteriore missiva, ringraziandolo per l’impegno di non porre più le domande sulle dimissioni. Quindi Ratzinger continua: «Posso ben capire il profondo dolore che Lei e molti altri avete provato con la fine del mio pontificato, ma il dolore, così mi sembra, in alcuni e anche in Lei è diventato una rabbia che non riguarda più solo la rinuncia, ma si estende sempre più anche alla mia persona e al mio pontificato nel suo insieme». «In questo modo il pontificato stesso è stato svalutato e confuso con la tristezza sulla situazione della Chiesa oggi». E questo dolore trasformato in rabbia è diventato una «forma di agitazione».

Il Papa emerito cita come esempio la recente pubblicazione del libro di Fabrizio Grasso La rinuncia. Dio è stato sconfitto?, e il riferimento a un possibile scisma che il cardinale citava esplicitamente nell’intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung. La conclusione della lettera è un invito a Brandmüller a pregare perché «il Signore venga in aiuto della Sua Chiesa. Con la mia apostolica benedizione, suo, Benedetto XVI».

La frase sulla «situazione della Chiesa oggi» è stata rilanciata come un giudizio pesante del Papa emerito sul successore. Anche se questa appare una lettura semplicistica e riduttiva: la situazione della Chiesa oggi è la situazione della Chiesa del nostro tempo, non soltanto identificabile con gli ultimi cinque anni. Se così fosse, bisognerebbe infatti supporre che i problemi, gli abusi sessuali, l’infedeltà del clero, i dissensi dottrinali sbandierati, i carrierismi e le cordate di potere, siano fenomeni spuntati all’improvviso dopo il 2013 e che fino a quel momento la vita della Chiesa fosse stata ideale. Peraltro, proprio Joseph Ratzinger, ancora giovane e brillante teologo, nell’ottobre 1958 scrisse un saggio intitolato “Die neuen Heiden und die Kirche”, “I nuovi pagani e la Chiesa”. Il timore che la Chiesa si stesse “mondanizzando” era già presente nella sua riflessione teologica.

Di certo la pubblicazione delle lettere di Brandmüller rappresenta soltanto l’ultimo episodio di uso strumentale del Papa emerito. C’è da chiedersi perché l’anziano porporato tedesco abbia fatto circolare le due missive: difficile immaginare che la Bild le abbia “rubate” penetrando nella sua abitazione in Vaticano, trattandosi di esemplari cartacei e dunque non presenti nella memoria del computer del porporato. In questione è la rete ecclesiastico-mediatica, con sponde in Vaticano, protagonista dei quotidiani attacchi contro Papa Francesco. Una rete che ha ripetutamente tentato di arruolare Benedetto XVI usandolo contro il predecessore.

Peraltro, la discussione sulla figura, non ancora codificata, del “Papa emerito” è un tema sul quale in futuro la Chiesa dovrà riflettere. Benedetto ha fatto una scelta, ma ha intelligentemente deciso di non codificarla. È fuori dubbio che la decisione di conservare il nome pontificale, l’abito bianco e il titolo di “Papa emerito” (dove la parola Papa viene prima dell’aggettivo emerito), insieme ad alcune esternazioni dei collaboratori, hanno contribuito a fomentare dubbi, incertezze e persino, in qualcuno, l’idea di un Papa emerito ancora un po’ Papa, che diventa punto di riferimento della fronda dei delusi del Papa regnante. (Ha collaborato Iacopo Scaramuzzi).

in “La Stampa Vatican Insider” del 21 settembre 2018

Provisional Agreement between the Holy See and the People’s Republic of China

Testo in lingua italiana

Traduzione in lingua inglese

Traduzione in lingua cinese

Testo in lingua italiana

Nel quadro dei contatti tra la Santa Sede e la Repubblica Popolare Cinese, che sono in corso da tempo per trattare questioni ecclesiali di comune interesse e per promuovere ulteriori rapporti di intesa, oggi, 22 settembre 2018, si è svolta a Pechino una riunione tra Mons. Antoine Camilleri, Sotto-Segretario per i Rapporti della Santa Sede con gli Stati, e S.E. il Sig. Wang Chao, Viceministro degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese, rispettivamente Capi delle Delegazioni vaticana e cinese.

Nel contesto di tale incontro, i due Rappresentanti hanno firmato un Accordo Provvisorio sulla nomina dei Vescovi.

Il suddetto Accordo Provvisorio, che è frutto di un graduale e reciproco avvicinamento, viene stipulato dopo un lungo percorso di ponderata trattativa e prevede valutazioni periodiche circa la sua attuazione. Esso tratta della nomina dei Vescovi, questione di grande rilievo per la vita della Chiesa, e crea le condizioni per una più ampia collaborazione a livello bilaterale.

È auspicio condiviso che tale intesa favorisca un fecondo e lungimirante percorso di dialogo istituzionale e contribuisca positivamente alla vita della Chiesa cattolica in Cina, al bene del Popolo cinese e alla pace nel mondo.

[01468-IT.01] [Testo originale: Italiano]

Traduzione in lingua inglese

Communiqué
concerning the signing of a Provisional Agreement
between the Holy See and the People’s Republic of China
on the appointment of Bishops

Today, 22nd September 2018, within the framework of the contacts between the Holy See and the People’s Republic of China that have been underway for some time in order to discuss Church matters of common interest and to promote further understanding, a meeting was held in Beijing between Msgr. Antoine Camilleri, Undersecretary for the Holy See’s Relations with States, and H.E. Mr. Wang Chao, Deputy Minister for Foreign Affairs of the People’s Republic of China, respectively heads of the Vatican and Chinese delegations.

During that meeting, the two representatives signed a Provisional Agreement on the appointment of Bishops.

The above-mentioned Provisional Agreement, which is the fruit of a gradual and reciprocal rapprochement, has been agreed following a long process of careful negotiation and foresees the possibility of periodic reviews of its application. It concerns the nomination of Bishops, a question of great importance for the life of the Church, and creates the conditions for greater collaboration at the bilateral level.

The shared hope is that this agreement may favour a fruitful and forward-looking process of institutional dialogue and may contribute positively to the life of the Catholic Church in China, to the common good of the Chinese people and to peace in the world.

[01468-EN.01] [Original text: Italian]

Traduzione in lingua cinese

有关圣座与中华人民共和国之间签署主教任命临时性协议公告

很长时间以来圣座与中华人民共和国不断地接触,以商讨共同关心的教会问题,推动进一步的合作关系,本月二十二日梵蒂冈外交部副部长安东内伊•卡米莱利和中华人民共和国外交部副部长王超,分别作为梵中双方的代表团团长,在北京举行了一次会谈。

在此次会谈期间,两位双方代表签署了一项有关主教任命的临时性协议。

该项临时性协议是一个循序渐进和相互靠近的成果,是经过漫长过程的慎重商讨后签署的,协议也将就其本身的落实情况进行定期性的评估。该协议涉及教会生活极其重要的主教任命问题,并为更广泛的双方合作创造条件。

双方的共同期望是该项协议能促进一个富有成果和远见的双边对话,并能为在中国的天主教生活、中国人民的福祉及世界的和平做出积极的贡献。

[01468-AA.01] [Testo originale: Italiano]

[B0673-XX.01]

Santa Sede e Cina. Firmata la storica intesa

Stefania Falasca

Si firma la storia: pace è fatta tra Cina e Vaticano. Mentre il Papa vola verso le repubbliche baltiche, sotto i cieli di Pechino l’annunciato accordo è stato siglato. Lo rende noto ufficialmente il comunicato diffuso oggi in contemporanea dalla Sala Stampa Vaticana e dal governo cinese.

«Nel quadro dei contatti tra la Santa Sede e la Repubblica Popolare Cinese – si afferma nel comunicato – che sono in corso da tempo per trattare questioni ecclesiali di comune interesse e per promuovere ulteriori rapporti di intesa, oggi, 22 settembre 2018, si è svolta a Pechino una riunione tra mons. Antoine Camilleri, Sotto-Segretario per i Rapporti della Santa Sede con gli Stati, e S.E. il Sig. Wang Chao, viceministro degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese, rispettivamente capi delle delegazioni vaticana e cinese. Nel contesto di tale incontro – si informa – i due rappresentanti hanno firmato un Accordo Provvisorio sulla nomina dei Vescovi».

L’accordo «tratta della nomina dei Vescovi, questione di grande rilievo per la vita della Chiesa, e crea le condizioni per una più ampia collaborazione a livello bilaterale». Con l’auspicio condiviso che «tale intesa favorisca un fecondo e lungimirante percorso di dialogo istituzionale e contribuisca positivamente alla vita della Chiesa cattolica in Cina, al bene del Popolo cinese e alla pace nel mondo».

Si tratta di un accordo storico che non riguarda dunque le relazioni diplomatiche tra la Santa Sede e la Repubblica popolare cinese mal’annosa questione delle modalità di selezione e nomine vescovili.

Una questione essenziale e cruciale per la vita della Chiesa in Cina perché rende possibile per tutti i vescovi cinesi di essere in comunione con il Papa e per milioni di fedeli cattolici di far parte di un’unica comunità. Con questo atto, infatti, le parti hanno concordato il metodo di una soluzione condivisa: la Santa Sede accetta che il processo di designazione dei candidati all’episcopato avvenga dal basso, dai rappresentanti della diocesi anche con il coinvolgimento dell’Associazione patriottica, mentre il governo cinese da parte sua accetta che la decisione finale, con l’ultima parola sulla nomina, spetti al Pontefice e che la lettera di nomina dei vescovi sia rilasciata dal Successore di Pietro.

Di fatto, con quest’intesa, è la prima volta che la Repubblica popolare cinese riconosce il ruolo del Pontefice come guida spirituale e gerarchica della Chiesa.

Seppure il testo dell’accordo non viene pubblicato e definito «provvisorio» – in quanto strumento aperto a graduali e ulteriori messe a punto – certamente, quindi, la sottoscrizione di questa firma d’intesa appiana non solo una vexata questio, archivia un passato di divisioni e di grandi sofferenze sperimentate nel corso di alterne vicende dei cristiani in Cina e getta le basi al tracciato di una pagina nuova della storia della Chiesa nella Repubblica popolare cinese.

Recentemente la possibilità imminente dell’accordo «su un piano religioso» – che avrebbe lasciato fuori il livello politico dell’allacciamento di relazioni diplomatiche tra Pechino e il Vaticano – era stata profilata dal Global Times, la testata online in lingua inglese considerata organo semi-ufficiale del Partito Comunista cinese. Gli obiettivi che hanno mosso la Santa Sede nel trattare le delicate vicende del cattolicesimo in Cina non hanno del resto risposto a logiche mondane ma pastorali: aiutare a migliorare la condizione dei cattolici cinesi nel contesto politico e sociale in cui si trovano per vivere ed esprimere pubblicamente il legame di comunione con la Chiesa di Roma.

Un’intensificazione di comunicazioni bilaterali, senza mediazioni, è accreditata al 2017. Lo strumento operativo che ha incarnato la nuova fase dialogante dei rapporti tra Pechino e Santa Sede è stata la commissione bilaterale di lavoro ricostituitasi dopo l’inizio del pontificato di Papa Francesco e della presidenza di Xi Jinping. Dal giugno 2014, le delegazioni, incaricate di studiare soluzioni ai problemi che hanno reso anomala la condizione del cattolicesimo cinese, si sono riunite decine di volte, con sessioni ospitate di volta in volta a Roma o a Pechino. Il criterio seguito dal Papa e dai suoi collaboratori nei rapporti con le autorità cinesi è stato prettamente ecclesiale puntando a eliminare per sempre la possibilità di ordinazioni episcopali celebrate in Cina senza il consenso del Papa e della Sede apostolica.

Ma le novità sui rapporti Cina-Vaticano, emerse sotto il pontificato di Francesco, non sono state un cambio di direzione rispetto alla linea seguita dagli ultimi papi riguardo alla questione cinese. Papa Francesco ha più volte riaffermato l’intenzione di muoversi lungo la linea indicata dalla Lettera ratzingeriana del 2007 e per questo ha fatto riannodare i fili del dialogo diretto con Pechino, che si erano bruscamente interrotti tra il 2009 e il 2010.

Sulla cruciale questione delle nomine vescovili per dare soluzione alla condizione dei cattolici in Cina il riferimento imprescindibile è stata infatti proprio la famosa Lettera ai cattolici cinesi del 2007. Nella sua lettera Benedetto XVI aveva esplicitamente esternato il desiderio di un accordo con il governo di Pechino per risolvere la scelta dei candidati all’episcopato: «Auspico che si trovi un accordo con il Governo per risolvere alcune questioni riguardanti sia la scelta dei candidati all’episcopato sia la pubblicazione della nomina dei vescovi sia il riconoscimento — agli effetti civili in quanto necessari — del nuovo vescovo da parte delle Autorità civili» e aveva ribadito anche come la soluzione dei problemi esistenti non poteva essere «perseguita attraverso un permanente conflitto con le legittime Autorità civili».

La Lettera di Benedetto XVI, firmata il giorno di Pentecoste e resa nota il 30 giugno 2007, ha rappresentato perciò la pietra miliare, il documento chiave carico di buoni auspici per i cattolici nella Cina moderna. Papa Francesco nella conferenza stampa durante il volo di ritorno da Seul, il 18 agosto 2014, aveva ribadito l’attualità di quel documento che è rimasto «fondamentale e attuale per il problema cinese»: «Noi rispettiamo il popolo cinese; soltanto, la Chiesa chiede libertà per la sua missione, per il suo lavoro; nessun’altra condizione… non bisogna dimenticare quel documento fondamentale per il problema cinese che è stata la Lettera inviata ai cinesi da papa Benedetto XVI. Quella oggi è attuale». E sottolineava: «Rileggerla fa bene… sempre la Santa Sede è aperta ai contatti: sempre, perché ha una vera stima per il popolo cinese».

L’atto compiuto oggi dal Vaticano è perciò l’espressione di una prospettiva già delineata da Papa Benedetto nei confronti della vita della Chiesa in Cina. Come ha ribadito più volte anche lo stesso cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin: «Su questo punto vorrei rifarmi ancora alle parole di Benedetto XVI nella sua lettera ai cattolici cinesi. Egli insegna che la missione propria della Chiesa non è quella di cambiare le strutture o l’amministrazione dello Stato… La Chiesa in Cina non vuole sostituirsi allo Stato, ma desidera offrire un contributo sereno e positivo per il bene di tutti. Pertanto, il messaggio della Santa Sede è un messaggio di buona volontà, con l’augurio di proseguire nel dialogo intrapreso per contribuire alla vita della Chiesa cattolica in Cina, al bene del popolo cinese e alla pace nel mondo».

Il Segretario di Stato aveva anche chiaramente detto che l’auspicio della Santa Sede era «di vedere, in un futuro non lontano, le comunità in Cina riconciliarsi, accogliersi, donare e ricevere misericordia per un comune annuncio del Vangelo, che sia veramente credibile». E questa è – aveva ribadito – la riconciliazione «che sta davvero a cuore anche a Papa Francesco: che si superino le tensioni e le divisioni del passato ben sapendo che quella Chiesa conosce figure di eroici testimoni del Vangelo, un fiume di santità spesso nascosta o sconosciuta ai più». Un cammino di riconciliazione che come annota ancora con fiducia Parolin, potrà da adesso essere «un esempio eloquente per il mondo intero».

in Avvenire 22 settembre 2018

Scuola. Il Decreto Milleproroghe è legge. Le norme che riguardano la scuola

Con la definitiva approvazione, avvenuta col voto del Senato del 20 settembre 2018, è stato convertito in legge il decreto “milleproroghe”.

Tra le norme che riguardano direttamente la scuola, prorogata di un anno la validità delle graduatorie per la destinazione all’estero, prorogato al 31 dicembre 2018 il termine di adeguamento alla normativa antincendio per gli edifici scolastici ed i locali adibiti a scuola, estesa anche all’a.s. 2018/2019 la possibilità di presentare la dichiarazione sostitutiva relativa all’avvenuta vaccinazione delle alunne e degli alunni.

Viene inoltre consentito l’utilizzo delle somme non spese con la Carta elettronica relative all’anno 2016/2017 entro il 31 dicembre 2018; si rinvia di un anno l’applicazione della norma che prevedeva l’obbligo di partecipazione alla prova INVALSI come requisito di ammissione all’esame di stato; viene differita al 1° settembre 2019 la previsione di validità dell’attività di alternanza scuola lavoro ai fini del possesso dei requisiti utili per l’ammissione all’esame di Stato in qualità di candidati interni ed esterni.

milleproroghe_-_art._6.pdf

E’ necessario tutelare la ricchezza dei colori delle culture e delle etnie

Gianfranco Ravasi

Uno dei più autorevoli statisti tedeschi del secolo scorso, Konrad Adenauer (1876-1967), dichiarava: «Viviamo tutti sotto lo stesso cielo, ma non tutti abbiamo lo stesso orizzonte». La sua è una considerazione che intreccia due coordinate. L’una è verticale ed è l’unità “celeste” del genere umano: in tutti noi corre la stessa linfa e abbiamo il medesimo tessuto “adamico”, siamo creature umane basilarmente uguali. L’altro asse è orizzontale e si sfrangia in mille prospettive, rivelando così la pluralità e quindi le differenze. C’è una suggestiva metafora rabbinica che afferma: Dio ha fatto tutti gli uomini con lo stesso conio ma, a differenza delle monete che risultano uguali, le creature umane sono tutte diverse (si pensi solo alle impronte digitali). Unica è la dignità, ossia l’appartenenza all’essere umano, infinita è la pluralità dei volti, delle anime, dei pensieri.
Significativa è, perciò, la titolatura del “Cortile di Francesco” dedicato a questo tema secondo angolature e prospettive diverse. Si afferma, infatti, la “necessità” delle differenze per la pienezza dell’umanità stessa. Anzi, il dialogo tra voci diverse, tipo del “Cortile”, è a sua volta una dimostrazione del tema. Come scriveva il noto filosofo viennese Karl Popper (1902-94), non si deve credere «all’opinione diffusa che, allo scopo di rendere feconda una discussione, coloro che vi partecipano debbano avere molto in comune. Anzi, più diverso è il loro retroterra, più feconda sarà la discussione. Non c’è nemmeno bisogno di un linguaggio comune per iniziare: se non ci fosse stata la torre di Babele, avremmo dovuto costruirne una».
Il sogno dell’imperialismo di Babilonia era proprio quello di imporre un «unico labbro», come si dice nell’originale ebraico del cap. 11 della Genesi, cioè una sola lingua, una sola cultura, una sola concezione della vita, precettata a tutti. È ciò che sta alla radice anche del razzismo e della xenofobia che purtroppo sta riaffacciandosi col suo volto aggressivo nei social, nei vari populismi attuali e persino nel nostro paese segnato da una civiltà dialogica così alta.
Contro questa arroganza che disprezza l’altro, condannata da Dio, è necessario tutelare la ricchezza dei colori dell’arcobaleno delle culture e delle etnie volute dal Creatore. Uno degli antichi maestri degli ebrei mitteleuropei detti Chassidim, cioè i “pii”, affermava: «In ogni uomo c’è qualcosa di prezioso che non si trova in nessun altro. Si deve, perciò, rispettare ognuno secondo le virtù che egli solo possiede e che non ha nessun altro».

http://www.cortiledifrancesco.it/blog-detail.php?id=333