Vatican-China. Utilitarianism, democracy and a moderating role for the Holy See

Francesco Sisci*

In the past few months, stretching out no longer than a couple of years, an important controversy has mounted in America and the West, in which some argue that we foreigners were fools to believe we could change China. China in the past 40 years, since the U.S. started cooperating with her, taking her under wing, just fooled us and did what it always wanted – remained communist (thus anti-capitalistic) and with a value system different than ours (and thus against our value system). The Holy See, who has proven capable of striking deals in China and also holds a high moral ground in the West, may be able to find a middle way.

The controversy stems from the deep foreign disappointment in what China turned out to be, and from a perception of Beijing’s growing challenge to the global economic, political and social order. This argument finds a noble precedent in Yale Professor Jonathan Spence’s book, To Change China: Western Advisers in China, 1620-1960 (Little, Brown: 1969), which details the many stories of western advisers who tried to change China and failed. The moral of the story is: forget it, China won’t change, she will just take you for a ride.

However, I had a strong objection to the book when I read it a long time ago, and to the present debate as well. China in the past 40 years did change, as so it did with the work of the missionaries described by Spence. China now is not what it was after the Cultural Revolution. Everybody who has witnessed China over the past 20 or 30 years would know this immediately. The problem is not that China didn’t change, but that it didn’t change in the way we wished.

These are two different issues. As a father it is a well-known problem: when you raise a child and he (or she) doesn’t turn out the way you wished. Sometimes she or he is better, sometimes worse, but most of the time change is totally unpredictable. In fact, he or she never turns out the way you planned, but this doesn’t mean the child didn’t change from the time he or she was a baby.

From this general problem there are presently two more issues, as we are not happy on how things stand with China: Why in this case China turned out wrong, and what to do now. On both accounts perhaps things now are very different from the time when in the 1970s the West started engaging China. For decades there were two different pulls in foreign policies with China.

First, there was a realistic utilitarian trend that overlooked the process of democratization in Beijing to have China in line with US interests, be those against the USSR, until the fall of the Soviet Empire in the early 1990s, or for the expansion of globalization since the 1990s until now, when globalization is turning sour for the US, the country which started it in the first place.

Second, the promotion of democracy and human rights, pillars of the western value system, clashed constantly with that utilitarianism. A democratic China had nothing to do with the anti-Soviet thrust or the globalization drive. In fact, it was largely an impediment to reach the great efficiency an authoritarian system could deploy in these two fields. Therefore, it was easily sacrificed on the altar of greater utilitarian good.

No wonder that the perception of China (the child in this case) was that the West was just using democracy to pay lip service to its ideal, or worse, democracy was (is) a tool to create chaos and havoc in a country to then economically pillage it, because self interest was the real goal of the Western system. Here, as any parent would do, there can be a lot of soul-cringing self-examination. And perhaps more than other times this should be real, as the dual approach created real issues for China, the U.S. and the world.

However, perhaps for the first time in many years now these two pulls are not in contradiction and are converging and beginning to shape a new policy. China’s economic and political weight has grown too big to be simply overlooked in favor of some short-term globalization advantage. Its opaque political system, with its opaque web of connections between politics and State Owned Enterprises (SOEs), are an objective challenge to the existing international economic system, which has been dominated for better or worse by western values for centuries.

Beijing’s decision to drink coffee rather than tea, given China’s present and future economic size, will affect coffee or tea prices worldwide. Yet nobody in the world really knows who and how Chinese make this decision. When China’s economy was puny, its impact on the world market and order, was also negligible and thus it could have been overlooked. In the US the process of making these decisions is rather transparent and people in the world could intervene in it by writing opinion pieces or setting up perfectly legal lobbies. Nothing like that exists in China.

A disruption of this old order would not be easy and effortless, even if the U.S. were willing to give up its role (which it is not ready to give up), because the world knows how to move in a Western-ordered world. Conversely, it really doesn’t know what a China world would mean, and from the first glimpse of it, it looks worse than the American world.

So both realism and idealism now objectively want something from China — and that is political change. Political change can bring democratization that would better integrate China into this world both economically and through improvement of its human rights situation.

But, China will be very reluctant to make this change, and the friction between a push to change and resistance to it, could shake the present political order in China and the balance of power in Asia. Even if and when political change were to occur, this change could turn out to be different from what the West wished for (again we should remember the example of the parent and the child).

This makes an objective mix for a violent, military clash in China or its environs. The storm of a new Cold War in Asia is in fact apparent. In this situation it is very important to notice the possible role of the Holy See, which is now close to a historic framework agreement with China. Can this agreement also help to ease some of the existing friction? Can Chinese leaders better understand the dangers ahead and find a way to move out of the present collision course? At the same time, the Holy See will have the moral high ground in the West to propose ideas that would help a father to find a way to reconcile with his prodigal son, without coming to blows.

In any case it is the end of an era, and the child is no longer such. Yet, the growth of the son doesn’t have to mean the destruction of the father’s household and his rules. A grown son doesn’t have to be killed to restore those rules and the father’s authority.

Published on Journal of Political Risk, Vol. 6, No. 2, February 2018

Francesco Sisci is a Senior Researcher at China Renmin University and a former Italian diplomat. He has lived in China for three decades, and has closely followed China-Vatican issues for approximately 20 years

 

Il ritorno degli opposti estremismi. Violenta pazzia

Danilo Paolini

Fascisti, comunisti, neri, rossi, le botte e le coltellate per la strada, una svastica tracciata sulla memoria viva di martiri della democrazia insieme all’insulto verso chi difende la sicurezza di tutti, un tentativo di blitz negli studi televisivi di un talk show politico. Ed è solo un elenco incompleto. L’elenco di ieri. No, no. Fermatevi, subito. Prima che sia davvero troppo tardi. Anche se quanto si è visto finora è già troppo.

Qualche giorno fa parlavamo del clima di odio che attanaglia il Paese, aggravato da una campagna elettorale acida, cattiva e troppo spesso priva di contenuti propositivi, se si eccettuano certe sparate alle quali non sembrano credere nemmeno i rispettivi autori. Ebbene, siamo stati purtroppo profeti facili facili: l’aria che si respira è fetida, si avverte distintamente l’odore del sangue e del fango. Quando vedi un carabiniere in terra circondato e preso a calci, quando sui social trovi fotomontaggi e affermazioni che solo menti deliranti sono in grado di partorire, quando nella loro relazione annuale i Servizi di sicurezza sottolineano il pericolo del riemergere dell’eversione interna, quando Amnesty International certifica che in Italia «un leader politico su tre fa ricorso a discorsi offensivi, razzisti e di odio», quando un tizio con una runa tatuata sulla faccia e il Mein Kampf sul comodino sale in macchina e comincia a sparare ai neri (di pelle) come se Macerata fosse il Mississippi dei tempi peggiori, capisci che le cose si stanno mettendo male.

Avevamo messo in guardia dagli ignari, dagli smemorati o da quelli in malafede (magari ormai con i capelli bianchi) che non si curano, o fingono di non curarsi, di quanto è costato in vite umane a questo nostro tormentato Paese il periodo lungo, buio della violenza politica, del terrorismo, dei ragazzi lasciati in terra a colpi di pistola o mitraglietta, di spranga, di manici di piccone, bruciati nel cuore della notte mentre dormivano nei loro letti, giustiziati davanti alla propria madre, scaraventati giù da un muretto. Paolo, Walter, Francesco, Valerio… neri, rossi… da morti non si ha più colore. Resta il dolore senza fine dei genitori. Rimane la rabbia dei «compagni», dei «camerati», che può sfociare in nuova violenza, in altro sangue. Questo rimane, niente altro.

Eppure quella tragica lezione non sembra essere stata imparata. Il «camerata» aggredito ieri a Palermo ha detto di essere «un soldato politico» e di non voler «elemosinare» solidarietà da nessuno, il suo movimento ha annunciato che «nulla resterà impunito».

Mentre al pestaggio è seguita una sorta di rivendicazione, in forma anonima, dai toni minacciosi. A Perugia, dopo l’accoltellamento di un «compagno» di Potere al popolo, è andato in scena un analogo batti e ribatti al sapore, neanche troppo vago, di anni 70. E l’aria si fa ancora più pesante. Fermatevi. Non cascateci di nuovo. Sarebbe una pazzia senza senso (come lo fu allora) e per di più, oggi, completamente fuori dalla storia.

P.S.: Mentre scriviamo, in via Mario Fani a Roma è stata cancellata la scritta oltraggiosa («A morte le guardie») e la svastica che una mano vigliacca aveva lasciato sulla lapide in memoria della scorta di Aldo Moro, sterminata in quel luogo dalle Brigate Rosse il 16 marzo 1978, durante il rapimento dello statista democristiano. Onore autentico e profonda gratitudine a loro, in mezzo a tanto onore autoproclamato e dubbio.

Avvenire giovedì 22 febbraio 2018

 

 

Migranti, donne ed etnie. È il «contagio» dell’odio

Alessia Guerrieri

C’è un tema che accomuna – nel male – la vita di 159 Paesi del mondo. E questo filo rosso si chiama odio. È infatti l’hate speech, la contrapposizione “noi-loro”, spesso prodotta dagli stessi governanti, a generare nel mondo la più comune violazione dei diritti umani. Un acuirsi dell’intolleranza verso il “diverso” che però sta portando a una nuova era di attivismo, digitale e non, per combattere le ingiustizie. C’è insomma una spinta verso la richiesta di «un futuro di maggiore speranza» – come lo definisce il segretario generale di Amnesty International Salid Shetty – nel rapporto sui diritti umani nel mondo nel 2017-2018 che l’organizzazione ha presentato ieri a Roma, in contemporanea con molte città del mondo. A partire da Washington, proprio perché «è lì che è stato dato il via da Trump alla scia d’odio, approvando all’inizio del 2017 il Muslim ban» – è l’esordio del responsabile di Amnesty Italia Antonio Marchesi – ricordando che «l’arretramento della presidenza Trump sui diritti umani sta stabilendo un precedente molto pericoloso» anche per altri governi su pratiche «fino a qualche tempo fa impensabili».

Migranti, omosessuali, donne, minoranze etniche. Sono questi i principali obiettivi della crescente tendenza all’odio nel mondo che coinvolge non solo gli Usa, ma anche la Russia che continua a «limitare la libertà d’espressione» oppure il Myanmar in cui prosegue la campagna contro i Rohingya e la Cina dove «con la scusa della sicurezza nazionale, il governo continua a introdurre leggi che costituiscono una grave minaccia per i difensori dei diritti umani ».

In sostanza, in molte parti del mondo – è la denuncia che emerge dal report di oltre 600 pagine – c’è la tendenza dei leader politici a promuovere fake news per manipolare l’opinione pubblica o ad attaccare gli organismi di controllo sui poteri. Un atteggiamento che porta Amnesty a sostenere che «quest’anno la libertà di espressione sarà un terreno di battaglia per i diritti umani».

A dimostrare l’inasprimento del clima globale anche il crescente numero di attivisti uccisi nel 2017, almeno 312, soprattutto in America Latina, e i 262 giornalisti messi in prigione «per aver svolto il proprio lavoro – continua Marchesi – soprattutto in Turchia, Cina, Egitto. In Messico, poi, 11 reporter sono stati addirittura assassinati». Di fronte ad un malcontento sociale diffuso, e al crescere di persone che con sempre più difficoltà accedono a servizi fondamentali come il cibo o le cure mediche, «si assiste però ad un piccolo barlume di luce che viene dalla società civile», conclude il presidente di Amnesty, cioè «la crescita di nuovi e vecchi attivisti impegnati in campagne per la libertà e la giustizia».

Il clima di odio, comunque, non risparmia nemmeno l’Italia, a cui l’organizzazione ha voluto dedicare uno specifico focus attraverso il monitoraggio in campagna elettorale delle dichiarazioni sui social di oltre 1.400 candidati alle elezioni politiche e regionali. E quello che ne viene fuori finora – è il duro ritratto del direttore generale di Amnesty Italia Gianni Rufini – è un Paese «intriso di odio, razzista e xenofobo, che ha paura dell’altro, del diverso: migranti, rom, lgbt ma anche donne e poveri». Un linguaggio di ostilità che nell’8% dei casi coinvolge anche i candidati alle elezioni e un leader politico su tre. Otto volte su dieci, secondo questa analisi, le dichiarazioni hanno come bersaglio i profughi, il 12% la discriminazione religiosa, il 5% i rom e il 4% le differenze di genere.

in “Avvenire” del 22 febbraio 2018

La conoscenza. Il Rapporto ISTAT 2018

Il Rapporto che l’Istat presenta oggi, 22 febbraio 2018, propone, per la prima volta, una lettura integrata delle diverse dimensioni della creazione, della trasmissione e dell’uso della conoscenza nella vita delle persone e nell’economia. Attraverso 38 quadri tematici il Rapporto offre una valutazione della posizione dell’Italia in ambito europeo e il cammino fatto fin qui dal nostro Paese, mette in luce i fenomeni emergenti – trattati con fonti e indicatori nuovi – individua gli strumenti che favoriscono lo sviluppo della conoscenza e le sfide per le politiche. I quadri tematici sono accompagnati da un’analisi originale, condotta sull’intero universo delle piccole imprese italiane, che evidenzia il ruolo essenziale dell’istruzione nel sistema produttivo. Tutti i dati impiegati per la realizzazione dell’e-book e un corredo di dati complementari sugli stessi fenomeni sono direttamente accessibili online attraverso collegamenti ipertestuali, così come i rimandi a fonti di riferimento e approfondimento.

Il Rapporto può essere navigato anche attraverso percorsi alternativi, che ricompongono il mosaico dei quadri attorno a tematismi diversi. Alcuni percorsi, quali la società dell’informazione, la creazione e l’uso di conoscenza nel sistema economico, l’istruzione, la formazione, l’apprendimento e le competenze individuali, l’attività creativa, culturale e intellettuale, sono già suggeriti, altri possono essere tracciati dai lettori in base ai loro interessi e alle loro curiosità.

Di seguito una sintesi dei contenuti del Rapporto.

La creazione di conoscenza

  • L’intensità della spesa in ricerca e sviluppo (R&S) in Italia, anche se aumentata durante la crisi, continua a essere inferiore a quella delle altre maggiori economie europee (nel 2015, 1,3% del Pil contro una media poco superiore al 2,0% per l’Ue), con eccezione della Spagna. Il divario, che riguarda la spesa sia delle imprese sia dell’Università e dei centri di ricerca pubblici, si attenua se si considerano gli addetti (1,8% contro 2,0% medio nell’Ue) e l’output brevettuale. Circa il 60% della spesa in R&S nazionale è concentrata in Lombardia, Lazio, Piemonte ed Emilia-Romagna. In rapporto al Pil, spicca la performance del Piemonte (2,2%), dove è molto rilevante l’attività di R&S delle imprese.
  • La spesa in R&S delle imprese è per circa un quarto effettuata dalle controllate nazionali di aziende estere. Complessivamente, l’intensità di spesa in R&S in Italia è inferiore ma comparabile a quella della Germania – paese di riferimento – in quasi tutti i settori a media e alta tecnologia (ambito, questo, in cui più forte è la presenza delle controllate di imprese estere), a eccezione della chimica e della farmaceutica. Come per la Spagna, la spesa è invece più elevata rispetto alla Germania nei settori di specializzazione tradizionale, quali il tessile-abbigliamento e l’industria alimentare.
  • L’output brevettuale riflette le caratteristiche della specializzazione produttiva. Rispetto alla media Ue le domande per invenzioni sono in proporzione più che doppie per il settore del tessile abbigliamento-pelletteria mentre cresce la specializzazione nei brevetti per l’industria alimentare. Tuttavia, considerando anche il numero di brevetti, le aree di gran lunga dominanti sono quelle dei macchinari e attrezzature, delle apparecchiature elettriche, dei mobili e altra manifattura (gioielleria, articoli sportivi, ecc.) che, insieme, nel 2013 rappresentano il 51,9% delle domande nazionali di brevetto (in aumento dal 47,3% nel 2007).
  • Gli investimenti immateriali (ricerca e sviluppo capitalizzata e software) nel 2016 hanno superato il 20% degli investimenti totali. In Italia, stante l’intensità relativamente modesta della spesa in ricerca, questa quota è al 16,6%, inferiore di oltre tre punti rispetto all’Ue. Nel confronto con il 2007, la quota di questi investimenti sul totale è aumentata di quasi 6 punti percentuali per l’insieme dell’Ue e di oltre 5 punti in Italia. Nel nostro Paese, il volume degli investimenti immateriali è cresciuto nonostante la crisi.
  • La forza della specializzazione italiana si osserva nell’intensità elevata di marchi e disegni industriali, per i quali le imprese italiane continuano a mantenere una posizione di primo piano (nel 2016, le domande di marchi italiane all’Ufficio europeo per la proprietà intellettuale sono state circa 9 mila su 69 mila dall’Ue), con un rafforzamento in alcuni ambiti a elevata intensità di conoscenza che segnano un’evoluzione positiva nella capacità competitiva nazionale.
  • La qualità delle pubblicazioni scientifiche degli autori affiliati a istituzioni nazionali, misurata attraverso le citazioni da parte di altri autori, è elevata e crescente in diversi ambiti disciplinari. Questa buona performance è frutto di un miglioramento sia nel numero sia nella qualità relativa delle pubblicazioni prodotte, in particolare in alcune branche scientifiche di interesse in termini di innovazione, quali la biologia molecolare, le scienze dei materiali o l’informatica.
  • Considerando però i flussi internazionali di conoscenza attraverso le risorse umane, il saldo è negativo sia per l’attività inventiva (i brevetti con inventori residenti in Italia per conto di imprese estere superano quelli delle nostre imprese all’estero), sia nelle affiliazioni di autori (sono più quelli che vanno all’estero di quelli che entrano o tornano), sia nei flussi migratori della popolazione.

L’istruzione scolastica e universitaria

  •  L’Italia presenta un ritardo storico nei livelli d’istruzione rispetto ai paesi più avanzati. Nel 2016, la quota di persone tra i 25 e i 64 anni con almeno un titolo di studio secondario superiore ha raggiunto il 60,1%. Nonostante un aumento di 8 punti rispetto al 2007, la quota resta inferiore di 16,8 punti percentuali rispetto alla media europea. Il ritardo italiano nell’istruzione è in larga misura, ma non esclusivamente, dovuto alla scarsa istruzione delle coorti più anziane (tra le persone di 25-34 anni il differenziale è di 9,5 punti). I livelli di istruzione della popolazione adulta sono molto variabili sul territorio: in Sicilia e Puglia meno della metà dei residenti possiede almeno un diploma secondario superiore e solo il 13% un titolo terziario mentre nel Lazio, anche grazie alla maggior offerta di lavoro qualificato, queste percentuali salgono a 70 e 23%.
  • Gli abbandoni scolastici e formativi precoci (persone tra 18 e 24 anni senza titolo secondario superiore) si sono ridotti considerevolmente dal 20% nel 2007 al 13,8% nel 2016, superando l’obiettivo nazionale di riduzione al 16% nel 2020; è diminuito anche il differenziale con l’Ue, da circa 5 a 3,1 punti percentuali. Per i giovani nati all’estero, tuttavia, gli abbandoni superano il 30%, il valore più elevato dopo la Spagna.
  • Nell’insieme dell’Unione, nel 2015 hanno conseguito un titolo terziario più di 4,5 milioni persone. Questo flusso rappresenta il 74 per mille della classe tra 20 e 29 anni, popolazione di riferimento utilizzata convenzionalmente per misurarne l’intensità. In Italia, l’indicatore è salito dal 42 al 57 per mille tra il 2010 e il 2016 ma resta ben al di sotto della media europea. Ciò compendia tassi di transizione dalle scuole superiori ancora contenuti, l’avvio molto recente dei corsi di istruzione tecnica superiore (ITS), tassi di successo inferiori alla media (benché in aumento) e una diffusione relativamente minore dell’istruzione universitaria in età adulta.
  • Le condizioni di partenza continuano a incidere sui percorsi e i risultati dell’istruzione, attribuendo maggiori chance relative a chi proviene da famiglie più istruite. Considerando le persone tra 25 e 34 anni (che si suppone abbiano completato gli studi), si osserva un progresso notevole nei livelli d’istruzione rispetto al titolo massimo conseguito dai genitori. Nel 2016, oltre un quarto dei figli ha un titolo universitario contro l’11,3% dei genitori. Tra i genitori, poco meno del 50% ha raggiunto al più la licenza media, percentuale quasi dimezzata per i figli. Tra questi ultimi, tuttavia, l’incidenza sale al 43% se provenienti da famiglie con bassa istruzione mentre è inferiore al 4% quando i genitori hanno conseguito un titolo universitario. La strada dei figli, inoltre, appare tracciata già prima dell’università, nella scelta del tipo di scuola superiore: nel 2016, ha conseguito un diploma liceale (tipicamente propedeutico all’università) quasi il 60% dei diplomati con genitori laureati, il 30% di quelli con genitori in possesso di un titolo di istruzione secondario superiore e appena il 21% dei figli i cui genitori hanno al più la licenza media. |
  • Il sistema universitario italiano si caratterizza per un aumento progressivo della regolarità degli studi, sia pure con alcune differenze notevoli per livello e sul territorio. Considerando le lauree triennali di primo livello, il miglioramento è particolarmente vistoso nel Mezzogiorno (+55% di laureati dopo tre anni tra gli immatricolati dell’anno accademico 2011/2012 rispetto al 2002/2003) anche se la percentuale di laureati in corso è ancora molto bassa (16%) e pari a meno della metà rispetto alle università del Nord. Regolarità ed esiti positivi sono, in partenza, molto maggiori per la laurea specialistica. Anche in questo caso efficienza e capacità formativa del sistema sono andate migliorando nel tempo. Inoltre, l’aumento sostanziale del tasso di laureati al quarto anno nel Centro e nel Mezzogiorno si è accompagnato a una diminuzione simile degli abbandoni.

Competenze e formazione

  • Considerando le competenze di base degli studenti quindicenni, secondo i risultati dell’indagine Pisa dell’Ocse nel 2015 in Italia la quota di studenti con competenze insufficienti è poco distante dalla media Ue per la lettura (21,0 contro 19,7%) e la matematica (23,3 contro 22,2%) e molto superiore nelle scienze (23,2 contro 20,6%). A confronto con il 2006, la percentuale di studenti italiani insufficienti si è ridotta di quasi 10 punti nelle competenze numeriche, di 5 in quelle di lettura e di 2 punti nelle competenze scientifiche. I livelli di competenze degli studenti italiani sono molto variabili in relazione al tipo di scuola frequentata: per gli studenti del secondo anno delle superiori, i dati Invalsi del 2016/17 rilevano competenze alfabetiche degli studenti liceali superiori di 29 punti (su una scala normalizzata a 200) rispetto a quelli degli Istituti tecnici e di 50 punti rispetto agli studenti di istituti professionali; il distacco è minore ma sempre notevole per la matematica (16 punti con i tecnici, 43 con i professionali). Inoltre, le competenze degli studenti del Centro-nord sono decisamente superiori a quelle dei “colleghi” delle regioni meridionali, con un distacco particolarmente ampio per quelle numeriche.
  • Le competenze di base (linguistiche e numeriche) degli adulti italiani (16-65 anni), rilevate nell’indagine PIAAC dell’Ocse nel 2012 erano tra le più basse in assoluto tra i paesi partecipanti, riflettendo in parte la scolarizzazione molto modesta delle coorti più anziane. Il dato aggregato è la risultante di differenze molto elevate per condizione professionale (a sua volta collegata al titolo di studio) e sul territorio. In quest’ultimo caso, ripartizioni del Centro e del Nord-est presentavano risultati migliori soprattutto grazie all’incidenza relativamente bassa delle persone con competenze insufficienti (il 20% o meno, circa 10 punti sotto la media nazionale).
  • In quasi tutte le economie Ue per le quali si ha informazione aggiornata, tra il 2011 e il 2016 si osserva un aumento sensibile della diffusione delle attività di apprendimento non formali. In Italia, nel 2016 vi ha partecipato il 40,6% della popolazione tra i 25 e 64 anni, rispetto al 34,3% del 2011. In ambito europeo, la diffusione è prossima o superiore al 50% nei paesi nordici, in Germania, Austria, Francia (nel 2011) e Ungheria mentre scende sotto il 30% in diversi paesi dell’est europeo e in Grecia.
  • Poco più di tre quarti delle attività non formali in Italia nel 2016 sono di natura professionale o professionalizzante, in prevalenza finanziate dalle imprese. Il dato nazionale sulla formazione nelle imprese al netto della formazione obbligatoria fa registrare una marcata divaricazione sul territorio. Nel 2015, la quota di imprese formatrici è cresciuta leggermente rispetto al 2010 nelle ripartizioni del Nord (al 54-55%) e diminuita al Sud (dal 42,6% al 39,9%) e nelle Isole (dal 42,1 al 35,8%), soprattutto in Calabria e Sicilia.

L’istruzione nel tessuto delle micro e piccole imprese con dipendenti

  • Nel 2015, le imprese con dipendenti da 2 a 49 addetti attive nella manifattura e nei servizi di mercato sono circa 770 mila, con 4,6 milioni di occupati. Si tratta di una componente importante del tessuto produttivo nazionale. Il livello medio di istruzione degli imprenditori è relativamente modesto (11,4 anni di scolarità pro capite nel 2015, meno del diploma secondario superiore) benché cresciuto nel tempo (0,4 anni in più rispetto al 2011). I loro dipendenti sono, nel complesso, relativamente meno istruiti (10,8 anni di scolarità pro capite).
  • Queste caratteristiche variano molto al variare dell’attività d’impresa – dagli oltre 16 anni pro capite per gli addetti del comparto Ricerca e sviluppo ai 9 anni scarsi nel caso dell’industria delle confezioni e della pelletteria – ma le differenze nei livelli di istruzione sono molto ampie anche all’interno dello stesso comparto, il che suggerisce la coesistenza di modelli organizzativi

L’uso degli strumenti informatici e gli specialisti Ict

  • Nel 2017, si stima che il 64% della popolazione europea tra i 16 e i 74 anni abbia usato il computer su basi quotidiane contro il 52% dei residenti in Italia (in aumento di 11 punti rispetto al 2008). Quasi ovunque, il differenziale tra le persone di 16-24 anni e quelle di 55-74 supera i 30 punti percentuali; d’altra parte, tra le persone di 55-74 anni con istruzione universitaria in Italia la quota raggiunge l’80%, in linea con la media Ue. 
  • Il ritardo complessivo del nostro Paese e il ruolo centrale di età e istruzione nella diffusione delle tecnologie digitali si confermano anche per l’uso di Internet: in Italia, gli utenti regolari sono aumentati dal 37% nel 2008 al 69% nel 2016 (contro l’81% nell’Ue), quota che sale al 73,7% tra le persone laureate di 65-74 anni.
  • Gli utenti di Internet in Italia si concentrano in un numero relativamente ridotto di attività online, perlopiù di carattere passivo e poco avanzato: sono nella fascia bassa della graduatoria per l’invio di email (l’uso più diffuso in assoluto) e ultimi o nelle ultime posizioni per gli usi a carattere informativo (leggere giornali, documentarsi sulla salute, raccogliere informazioni su prodotti), i servizi bancari (40%), la creazione di contenuti e le vendite online. Sopra la media sono invece la visione di video condivisi da altri utenti e la partecipazione civica o politica.
  • Nel 2017 ha un sito web il 72% delle imprese italiane con almeno 10 addetti, valore al di sotto della media Ue (77%) ma in crescita di 11 punti rispetto al 2010. La quota di imprese che vendono via web i propri prodotti è del 10%, contro il 16% dell’Ue. Sul territorio, l’incidenza è più elevata nelle province autonome di Bolzano (oltre il 27%) e Trento, seguite dall’Umbria e da quasi tutte le regioni del Mezzogiorno, in molti casi con un progresso di 8-10 punti percentuali rispetto al 2012. Il risultato delle regioni del Mezzogiorno, anche se condizionato da una composizione favorevole delle attività, testimonia quanto sia importante la presenza in rete per le imprese operanti in aree periferiche.
  • L’impiego delle tecnologie dell’informazione per le attività di e-business in Italia è in rapida crescita e in linea con la media europea. In particolare, nel 2017 circa il 37% delle imprese italiane con almeno 10 addetti ha utilizzato applicativi gestionali (Erp) per condividere e integrare l’informazione all’interno dell’azienda e rendere i processi più efficienti (+15 punti rispetto al 2010). Come già segnalato, l’uso delle tecnologie digitali nelle piccole imprese appare fortemente influenzato dai livelli d’istruzione degli addetti.
  • A livello europeo, nel 2017 il 56% del personale delle imprese con almeno 10 addetti utilizza computer sul lavoro, contro il 50% in Italia (+12 punti rispetto al 2010). Parallelamente, una impresa europea su cinque ha realizzato attività per il miglioramento delle competenze informatiche dei dipendenti mentre in Italia la quota è del 13%.
  • Gli occupati in professioni Ict sono cresciuti numericamente e come incidenza sull’occupazione: nel 2016 sono più di 8 milioni nell’Ue, corrispondenti al 3,8% del totale, dal 3,1% nel 2011. In Italia sono quasi 750 mila e rappresentano il 3,3% degli occupati: rispetto alla media europea la crescita è stata relativamente più lenta (2 decimi di punto percentuale) e la quota di laureati resta inferiore. D’altra parte, l’occupazione in professioni Ict ha continuato a crescere nel nostro Paese anche nel pieno della crisi e assorbe oltre il 5% del totale dei laureati occupati.

Innovazione, export di servizi a elevata intensità di conoscenza e di prodotti di qualità

  • Circa la metà delle imprese con almeno 10 addetti realizza attività innovative, in linea con la media europea, ma meno del 20% delle imprese innovatrici nel triennio 2012-14 lo ha fatto collaborando con altre imprese e centri di ricerca, contro circa un terzo nell’Ue. Sul territorio, la quota di imprese che ha svolto attività innovative varia da oltre il 50% in Veneto, nella provincia di Trento e in FriuliVenezia Giulia a poco più del 30% in Sicilia e Campania. In tutte le regioni del Centro (tranne l’Umbria) e del Mezzogiorno la percentuale di imprese innovatrici è inferiore alla media nazionale.
  • Le esportazioni di servizi rappresentano nel 2016 il 12,4% del Pil nell’Ue (9,1% nel 2006) e il 5,4% in Italia (dal 5,2%) che si posiziona all’ultimo posto in Europa. Inoltre, i servizi d’impresa evoluti (finanziari, gestionali, informatici, tecnici e di leasing, e per i diritti di sfruttamento della proprietà intellettuale) insieme, nel 2015 incidono per il 39,3% sull’export di servizi nell’Ue (oltre 4 punti percentuali in più rispetto al 2010) e appena il 19,2% su quello italiano, con un saldo negativo. In generale, a confronto con le altre economie europee, il nostro Paese è rimasto chiuso all’interscambio di servizi. La crisi ha avuto per effetto la caduta della domanda di servizi avanzati da parte delle imprese e – perdurando più che negli altri paesi – ha favorito il surplus nei servizi turistici. Negli anni più recenti, d’altra parte, si osserva una crescita notevole nel peso delle esportazioni di servizi di Ricerca e sviluppo (salite oltre la media Ue) e di quelli informatici (che restano ancora molto distanti dai livelli prevalenti).
  • Se il sistema produttivo italiano mostra tuttora una competitività molto modesta nell’export di servizi avanzati, nel periodo 2000-2016 ha conseguito il miglioramento nella qualità dei beni – per quanto riflesso da prezzi o valori unitari – più elevato tra i paesi Ue (+14% rispetto alla media mondiale), con livelli superiori o prossimi a 3 volte la media mondiale per i prodotti di abbigliamento e pelletteria, e a quasi 2 volte per i prodotti tessili. Non trascurabile è, inoltre, l’export di prodotti culturali (soprattutto artigianato e opere d’arte) che, pur rappresentando una frazione minima (lo 0,5%) del totale, nel 2016 ha presentato un saldo attivo per quasi mezzo miliardo di euro.

Qualità dell’occupazione, occupabilità, redditi

  • Le professioni a elevata qualificazione rappresentano una quota rilevante e in crescita nell’occupazione. Nel 2016, dirigenti, professionisti e tecnici (corrispondenti ai livelli più elevati nella scala di competenze associata alle professioni dall’Organizzazione internazionale del lavoro Oil-Ilo) rappresentano il 41,4% del totale nell’Ue (+1,8 punti percentuali rispetto al 2011) e il 36,3% in Italia (+1,1 punti). L’incidenza degli occupati a elevata qualificazione in Italia supera l’80% del totale nelle attività professionali e tecnico-scientifiche, nei servizi d’informazione e comunicazione e nell’istruzione; nell’industria scende invece al 30% fino al 20% o meno nei settori di commercio, turismo, trasporti e costruzioni. In un periodo di forte ricomposizione settoriale, il peso delle occupazioni qualificate è aumentato in particolare nell’industria, nelle attività finanziarie, nei servizi d’informazione e comunicazione e, per effetto della contrazione più accentuata dell’occupazione meno qualificata, nella Pubblica amministrazione.
  • Il livello di istruzione delle persone influisce sulla loro partecipazione al mercato del lavoro, sulle possibilità di occupazione e sui redditi. In Italia, nel 2016 il tasso di occupazione delle persone tra 25 e 64 anni con istruzione terziaria (laurea e titoli assimilati) è al 79,8% contro il 51,2% delle persone con al più un titolo secondario inferiore. Questo differenziale di 28,6 punti – leggermente inferiore a quello dell’Ue (30,5 punti) – è scomponibile in 19,4 punti di premio per il titolo secondario | superiore e ulteriori 9,2 punti per l’istruzione universitaria rispetto al diploma, e raggiunge i 40 punti percentuali nel caso delle donne. 
  • Alle differenze nei tassi d’occupazione si accompagnano, in generale, differenziali retributivi ancora più rilevanti: in Italia, il divario tra gli individui con istruzione alta e istruzione media nel 2014 è pari al 48,3%, quello tra individui con istruzione media e bassa al 21,4%.

Le infrastrutture culturali e la partecipazione ad attività creative e culturali

  • Nel 2015, i musei, monumenti e siti archeologici aperti al pubblico in Italia sono quasi 5 mila, con oltre 110 milioni di presenze. Rispetto al 2011, i luoghi visitabili sono quasi 400 in più mentre gli ingressi sono aumentati di circa il 6,5%. Il patrimonio culturale ha una diffusione territoriale fine, ma la domanda è generalmente concentrata in pochi grandi musei e aree territoriali: i ricchi sistemi museali del Lazio e della Toscana da soli ne raccolgono rispettivamente il 22 e il 20%. D’altra parte, la crescita dei visitatori è stata abbastanza diffusa sul territorio e particolarmente rilevante nelle regioni del Mezzogiorno. 
  • Diversamente dai luoghi del patrimonio di tipo museale, le biblioteche sono servizi e spazi culturali che i cittadini utilizzano spesso e in modo polifunzionale. La disponibilità di biblioteche e l’offerta delle loro funzioni core (come la consultazione, la lettura e il prestito di libri) e accessorie (come connessioni a Internet, corsi di lingua italiana per stranieri, sportelli di orientamento, eccetera) appare direttamente correlata con la domanda, condizionandone le dimensioni. Nel 2015, la Sardegna spicca nel panorama nazionale per tasso di frequentazione assidua (almeno dieci volte all’anno) delle sue 615 biblioteche, utilizzate dal 42,5% dei cittadini a fronte di una media italiana del 32,3%. 
  • In Italia il 62,2% delle persone tra i 25 e i 64 anni pratica qualche forma di attività creativa o artistica nel tempo libero. Una minoranza non trascurabile (il 6% degli uomini e il 4% delle donne) compone musica, il 15% circa si dedica, anche se con frequenze piuttosto basse, alle arti visive e plastiche (disegno, pittura, scultura e modellazione, con una percentuale particolarmente elevata tra le femmine). Quasi un adulto su dieci si dedica infine alla scrittura di poesie, racconti, diari, blog. La diffusione della pratica creativa è direttamente proporzionale ai livelli d’istruzione, raggiungendo quasi l’80% tra i laureati. Una tendenza simile si riscontra per la pratica delle attività culturali. 
  • Wikipedia può essere definita a buon titolo la principale infrastruttura globale del sapere digitale. È infatti il quinto sito web più visitato al mondo. Benché l’uso sia in larga parte legato alla richiesta d’informazione su voci di costume, Wikipedia ha reso familiare il sapere di tipo enciclopedico per milioni di persone. L’edizione in italiano ha raggiunto 1,4 milioni di voci (dicembre 2017), ed è la quinta al mondo tra quelle con un livello accettabile di elaborazione di contenuti (misurato dalla profondità del corpus), dopo le versioni in inglese, tedesco, francese e russo, e prima di quella in spagnolo. È invece terza dopo le versioni tedesca e giapponese per contributori attivi in rapporto ai parlanti la lingua. Dal lato della domanda, l’Italia è l’ottavo paese per pagine viste, con una quota del 3,7% sul totale mondiale, ma si colloca in una posizione prossima ai paesi nordici rapportando l’uso di questo strumento al numero di utenti di Internet.
  • Tra le pagine viste dall’Italia su Wikipedia, oltre il 90% è in italiano, seguono inglese e tedesco. La versione in italiano rappresenta il 3,5% del totale mondiale per uso e, fuori dal territorio linguistico nazionale, è la seconda più visitata a Malta, la terza in Albania. In Albania, Svizzera e Malta rappresenta oltre il 5% del totale delle pagine viste mentre approssima l’1% nei maggiori paesi europei.

PER LEGGERE IL RAPPORTO VEDI:

http://www.istat.it/storage/rapportitematici/conoscenza2018/Rapportoconoscenza2018.pdf

MIUR. Nuove indicazioni nazionali per il curricolo Scuola infanzia e Primo Ciclo

Garantire a tutte le studentesse e a tutti gli studenti le competenze chiave per affrontare i cambiamenti e le sfide del loro presente, per proiettarsi al meglio nel futuro, per diventare cittadine e cittadini attivi e consapevoli, capaci di condividere valori comuni e di confrontarsi positivamente con l’altro. È l’obiettivo che si prefigge il documento Indicazioni nazionali e nuovi scenari”, presentato oggi al MIUR e frutto del lavoro del Comitato scientifico per le Indicazioni nazionali della scuola dell’Infanzia e del primo ciclo di istruzione, coordinato dal professor Italo Fiorin.

Il documento propone alle scuole una rilettura delle Indicazioni nazionali emanate nel 2012 ed entrate in vigore dall’anno scolastico 2013/2014 (sono il  punto di riferimento per la progettazione del curricolo da parte delle istituzioni scolastiche) attraverso la lente delle competenze di cittadinanza, di cui si propone il rilancio e il rafforzamento. Dalle lingue (quella madre e quelle straniere), al digitale, all’educazione alla sostenibilità, ai temi della Costituzione. Passando in maniera trasversale per le arti, la geografia, la storia, il pensiero matematico e computazionale. Questo anche in ragione delle novità che saranno introdotte nell’Esame finale del I ciclo in cui già da quest’anno si terrà maggiore conto, nel colloquio orale, delle competenze connesse alle attività svolte nell’ambito di Cittadinanza e Costituzione.

“Ci stiamo ritrovando, oggi, a riflettere sulle competenze e sulle conoscenze che ciascuno deve possedere per vivere, muoversi in modo attivo nella società, costruire una cultura della democrazia. Per partecipare con protagonismo alla vita del proprio Paese e del mondo – ha dichiarato la Ministra Valeria Fedeli -. Stiamo ragionando sulla questione in termini innovativi: guardiamo alle competenze quali processi dinamici, in evoluzione. Espressioni di valori, atteggiamenti, attitudini e conoscenze. Credo sia un punto di vista necessario e innovativo: una competenza non è acquisita una volta nella vita. Va aggiornata e approfondita, rinnovata ed esercitata all’interno delle comunità in cui viviamo. In questo processo di acquisizione di competenze, di costruzione di forme di cittadinanza attiva la filiera educativa riveste un ruolo di primo piano. La scuola è il luogo in cui le giovani e i giovani vengono educati al rispetto dei diritti degli altri, all’apertura nei confronti della diversità personale e culturale, al senso civico, all’equità, al senso di giustizia, alla conoscenza di sé e all’attitudine al dialogo e al confronto. Parlare di competenze di cittadinanza vuol dire anche rinnovata attenzione all’educazione linguistica, artistica, storica, geografica, al pensiero computazionale. Vuol dire offrire strumenti per affrontare il mondo globale”, ha concluso la Ministra.

Il documento presentato oggi non è una integrazione né una riscrittura delle Indicazioni nazionali. Non si tratta, si legge nel testo illustrato al MIUR, “di ‘aggiungere’ nuovi insegnamenti, ma di ricalibrare quelli esistenti”, rileggendo le Indicazioni del 2012, alla luce dei nuovi spunti offerti che guideranno le scuole nella predisposizione della loro offerta formativa, della loro progettazione. Il tema della cittadinanza viene affrontato come il “vero sfondo integratore e punto di riferimento di tutte le discipline che concorrono a definire il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione in una prospettiva verticale. Cittadinanza che riguarda tutte le grandi aree del sapere, sia per il contributo che possono offrire i singoli ambiti disciplinari, sia, e ancora di più, per le molteplici connessioni che le discipline hanno tra di loro”. Con riferimento, in particolare all’educazione al rispetto e alla cittadinanza consapevole, ad una più sicura padronanza delle competenze di base (comprese le competenze linguistiche e quelle digitali), all’incontro con saperi e discipline che rispondono all’esigenza di uno sviluppo orientato alla sostenibilità in tutte le sue dimensioni, con l’acquisizione dei contenuti dell’Agenda 2030.

Questi temi sono già presenti nel testo programmatico del 2012, che mantiene intatto il suo valore culturale, pedagogico e giuridico, ma richiedono ulteriori attenzioni e approfondimenti che vengono affidati alla ricerca e all’elaborazione curricolare delle scuole e degli insegnanti. Si tratta di dare, si legge nel testo presentato oggi, una ancor più concreta risposta all’istanza, già presente nelle Indicazioni nazionali, quando affermano che è “decisiva una nuova alleanza fra scienze, storia, discipline umanistiche, arti e tecnologia, in grado di delineare la prospettiva di un nuovo umanesimo.

Il documento sarà ora consegnato alle scuole, sarà messo alla ‘prova sul campo’, sarà oggetto di consultazione e confronto con le istituzioni scolastiche e la comunità scientifica nazionale per un eventuale intervento di regolazione sulle Indicazioni nazionali. La Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione del MIUR assicurerà misure di accompagnamento avvalendosi della collaborazione del Comitato scientifico nazionale per Indicazioni. Saranno organizzati seminari nazionali su tre ambiti tematici: Cittadinanza e CostituzioneCittadinanza digitaleCittadinanza e sostenibilità. Saranno poi raccolte le esperienze più significative per costituire un archivio dinamico delle innovazioni metodologiche e didattiche, come base utile per alimentare la ricerca sul curricolo, la formazione in servizio e l’evoluzione delle Indicazioni.

Nel corso dell’evento di oggi al MIUR, oltre al professor Fiorin, sono intervenuti anche altri due componenti del Comitato,  Giancarlo Cerini e  Sergio Cicatelli, la Capo Dipartimento per il Sistema Educativo di Istruzione e Formazione, Rosa De Pasquale, la Capo Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie e Strumentali, Carmela Palumbo, il Direttore Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione, Maria Assunta Palermo.

Per leggere il testo delle Indicazioni nazionali vedi:

http://www.miur.gov.it/documents/20182/0/Indicazioni+nazionali+e+nuovi+scenari/3234ab16-1f1d-4f34-99a3-319d892a40f2

Poveri. L’opzione non negoziabile per dare certezza al futuro

Agostino Giovagnoli

Come scrive Charles Maier, la globalizzazione spinge verso una separazione sempre più netta tra spazio geografico e spazio dell’identità. Anche l’istituzione ecclesiastica ha cominciato progressivamente a «deterritorializzarsi». Negli ultimi decenni del Novecento, in particolare, la Chiesa latino-americana ha cominciato a riflettere e a operare in questo senso […]. Nella Chiesa latino-americana sono infatti cresciute la consapevolezza che tanti uomini e donne non si ritrovano nello «spazio parrocchiale» e l’urgenza di raggiungerli là dove vivono veramente. Il problema è avvertito con particolare intensità nelle megalopoli del XXI secolo, realtà cruciale in America Latina sebbene presente anche altrove, specialmente in Asia.

Ad Aparecida, la V conferenza del Celam ha tirato le fila di una «teologia della città» lungamente elaborata nei decenni precedenti e messo a fuoco la sua realizzazione nelle metropoli moderne plasmate dalla globalizzazione. Benjamin Bravo spiega che, nelle megalopoli sudamericane, i luoghi dove veramente si svolge la vita di tanti – o dove almeno si collocano i momenti più importanti di molte esistenze individuali – sono spesso «luoghi della cultura», nel senso di spazi o reti sociali dove specifiche culture o subculture svolgono una funzione aggregante: la cultura dei giovani, quella tecnicoscientifica, quella della religiosità popolare ecc. Ed è decisivo che la Chiesa entri all’interno di tali «luoghi culturali» per raggiungere gli uomini e le donne che li popolano.

Proprio in una di queste megalopoli, Jorge Bergoglio ha maturato un’importante esperienza pastorale. A Buenos Aires ha vissuto direttamente la realtà di una grande città globale e qui ha iniziato quel dialogo ecumenico e quegli incontri interreligiosi poi continuati durante il suo pontificato. Sempre qui ha maturato la consapevolezza della varietà culturale che caratterizza i tessuti urbani contemporanei e l’esigenza del dialogo interculturale che ne scaturisce. Sono entrambi presupposti della «cultura dell’incontro» su cui Francesco ha più volte insistito. A Buenos Aires, in particolare, ha conosciuto intensamente la realtà di una grande periferia urbana: quando era arcivescovo della capitale argentina ha frequentato assiduamente le villa miseria e i loro abitanti, celebrando in mezzo a loro l’eucaristia in posti di grande povertà. Periferie, poveri, popoli: questi temi sono stati al centro della sua riflessione prima di diventare papa e hanno poi assunto un rilievo cruciale nel suo pontificato […].

Il tema dei poveri è stato sviluppato da Francesco nell’Evangelii gaudium in due prospettive complementari: da una parte, con un approccio economico e sociale che denuncia le cause strutturali della povertà; dall’altra, con un approccio culturale e storico che guarda ai poveri come gli scartati e gli esclusi e li considera dal punto di vista teologico. Ispirandosi alla visione biblica del povero, nell’esortazione programmatica di questo pontificato viene sviluppata una riflessione teologica e pastorale sul rapporto con i poveri, non come un problema che riguarda l’etica ma come una questione che interessa la dottrina: «Per la Chiesa l’opzione per i poveri è una categoria teologica prima che culturale, sociologica, politica o filosofica» […].

Sottolineandone l’appartenenza alla «dottrina», questo papa ha fatto dell’opzione per i poveri un elemento cruciale del suo pontificato. Ha respinto, in questo modo, la tendenza a ideologizzare l’opzione per i poveri, come è avvenuto non solo in alcune correnti della teologia della liberazione o del cattolicesimo «progressista» ma anche – in modo specularmente contrario – negli ambienti che insistono sulla conservazione dei valori tradizionali (per Francesco, si potrebbe dire, sono i poveri il «valore non negoziabile»). Le conseguenze di questa scelta investono tutta la vita della Chiesa e la sua stessa architettura: i poveri devono passare dai margini al centro, poiché le periferie sono il futuro della Chiesa. Si tratta di un elemento cruciale per sostituire l’istituzione post-tridentina, per uscire dalla Chiesa-palazzo stabilmente collocata al centro della città in età moderna ed edificare una Chiesa-tenda che si muova nelle periferie delle grandi megalopoli contemporanee […].

Questo papa è convinto che sarà la sensibilità verso i poveri a determinare il futuro dell’umanità, come emerge ad esempio dalla Laudato si’. Nella sua visione, le periferie devono diventare una priorità non solo per la Chiesa ma per tutti: abbandonare una visione dei problemi a partire dal centro è una necessità anche per la politica, l’economia, la cultura. Affermando l’importanza delle periferie, Francesco ha proposto una interpretazione pastorale, evangelica, cristiana di un vasto processo storico in atto nel mondo contemporaneo. Quello del XXI secolo è un mondo di periferie e i suoi abitanti, in qualche modo, anticipano un futuro che è sempre più diffuso.

in “Avvenire” del 22 febbraio 2018

“Il cristianesimo al tempo di papa Francesco” curato da Andrea Riccardi per Laterza (pagine 376, euro 22,00) è un libro in cui lo storico, oltre a un proprio saggio, propone una serie di interventi (qui sopra proponiamo stralci della postfazione dello storico Agostino Giovagnoli) di studiosi e osservatori della contemporaneità su come il pontificato di questo Papa stia cambiando il modo di dirsi e di essere cristiani oltre che portare una nuova visione del mondo. Contributi anche di Elisa Giunipero, Massimo Franco, Gianni La Bella, Walter Kasper, Marco Impagliazzo, Roberto Morozzo della Rocca, Dario Edoardo Viganò, Massimo Faggioli, Pierangelo Sequeri, Francesco Bonini, Armand Puig i Tàrrech, Marinella Perroni, Stefano Picciaredda, Paolo Gherri, Jean-Pierre Bastian, Benjamin Bravo e Marta Margotti

Il linguaggio del teppismo

Ezio Mauro

Cosa sta succedendo? Nel momento del massimo disincanto dalla cosa pubblica e dalla vita dei partiti, la campagna elettorale improvvisamente è attraversata da atti di teppismo politico in serie, come non succedeva da tempo. Prima il segretario di Forza Nuova legato mani e piedi a Palermo come nei peggiori anni della nostra vita, e pestato a sangue. Poi la stessa Forza Nuova che tenta l’assalto all’informazione, attaccando gli studi romani del talk DiMartedì.

Quindi il militante di Potere al popolo accoltellato a Perugia mentre incolla i manifesti elettorali al muro. E infine la profanazione della lapide di via Fani — a pochi giorni dal quarantesimo anniversario del massacro di cinque uomini di scorta e dell’uccisione di Moro — con la scritta “Morte alle guardie”, e la svastica che ritorna come oltraggio supremo alla democrazia.

Parliamo di teppismo politico, perché abbiamo conosciuto ben altra stagione di sangue negli anni Settanta. Ma tutti i segni dicono che la violenza torna in politica, sotto forme isolate e disomogenee. Torna insieme con le manifestazioni di razzismo, le dichiarazioni xenofobe, le riproposizioni di un fascismo fuori dalla storia, espressione situazionista di antagonismo radicale al sistema più che di nostalgia.

Saltati quei grandi pedagoghi di massa che erano i partiti, esaurite le culture politiche centenarie che sono state un orizzonte di riferimento per generazioni, è venuto meno anche il collegamento tra la società politica nel suo complesso e le istituzioni democratiche, la coscienza di avere un tetto comune. Con tutte le sue miserie, le disillusioni e anche i tradimenti, la democrazia repubblicana “riconquistata” era qualcosa comunque da difendere, un luogo in cui cercare un riconoscimento reciproco, una tutela e uno scambio.

Sarebbe sbagliato dire che la politica oggi crea violenza. Ma mancando questi argini, la violenza sciolta che viaggia dentro la nostra società trabocca anche in politica. Anzi, qualcosa di meno e di peggio: diventa “ linguaggio” politico naturale e spontaneo, quel linguaggio teppistico che registriamo altrove, e che entrando nel campo della politica non trova più una capacità di traduzione e di decantazione in un sistema organizzato di ideali e di valori, ma anche semplicemente di concetti e di forme di espressione.

Tutto questo avviene non perché viviamo una campagna elettorale al calor bianco, ma al contrario nella fase del grande freddo, quando il cittadino e lo Stato sono una coppia apertamente in crisi, con ogni passione spenta. Il cittadino crede e chiede di poter fare a meno dello Stato, anche perché si sente scoperto dalla politica, in deficit di rappresentanza, e pensa che il suo disimpegno dalla partecipazione, dalla responsabilità, dalle scelte e dal voto (in una parola: dal discorso pubblico) sia l’esercizio di un contropotere.

Non si accorge che è un discorso sterile. Simmetricamente e nello stesso tempo, infatti, anche lo Stato e la politica si disinteressano di lui, perché quando il cittadino si rinchiude nell’esercizio privato dei suoi diritti e li coniuga soltanto al singolare, non mette nulla in movimento, e diventa per questo irrilevante, numero ma non soggetto.

C’è poi un problema in più che riguarda la marginalità sociale, che dopo dieci anni di crisi si sente protagonista negativa non di una disuguaglianza ma di un’esclusione, tagliata fuori, sospinta ai bordi non della società ma della democrazia. A questa fetta minoritaria ma presente di cittadini perduti, la politica non ha saputo proporre un’alternativa all’egemonia della necessità: non un pensiero concorrente, nemmeno un’obiezione culturale, come se l’unica forma di espressione fosse da cercare fuori dal sistema, nell’antagonismo o in quell’antipolitica che è in grado soltanto di garantire l’incompetenza come forma di governo presunta innocente.

Quel che succede oggi, dunque, può darci qualche lezione per il dopo. Le istituzioni sono da cambiare, non da vilipendere come fanno molti. La democrazia repubblicana è malata, ma non è marcia come sostiene qualcuno. Le responsabilità della grande disaffezione italiana sono nostre e non di altri, come dicono tutti.

Ma questo non basta. Per riportare la politica al suo posto, servono identità forti, marcate, distinte e sicure, che richiamino valori riconoscibili e difendano interessi legittimi specifici, facendo nascere una passione per le “parti” in gioco, e dunque per la contesa democratica. Proprio il contrario di larghe intese tra opposti, dentro un indistinto democratico che in una società sbandata e delusa produrrebbe poco governo, cattiva politica e basso potere, allargando ancora di più il fossato senza ponti tra il Palazzo e il Paese.

in “la Repubblica” del 22 febbraio 2018

La confessione di papa Francesco: ” Ho vissuto anni oscuri”

Paolo Rodari

Dice di aver vissuto «il tempo di una grande desolazione, un tempo oscuro». «Credevo — continua — che fosse già la fine della mia vita» perché «sì, facevo il confessore ma con uno spirito di sconfitta». E ancora: «Ho pregato tanto, in questo tempo, ma ero secco come un legno» perché «credevo che la pienezza della mia vocazione fosse nel fare le cose». Tuttavia, «non ho lasciato la preghiera e questo mi ha aiutato». Non ha paura di parlare di sé, Papa Francesco, entrando anche nei momenti più riservati e insieme bui della sua vita. Le parole che lui stesso dice a braccio incontrando la settimana scorsa i parroci di Roma nella basilica di San Giovanni in Laterano, infatti, sono la parte più intima della sua vita e vanno a svelare, con semplicità, il tempo di una sorta di notte oscura vissuta dal futuro Papa in Argentina fra l’inizio degli anni ’80 e il 1992, l’anno in cui Giovanni Paolo II lo nomina vescovo ausiliare di Buenos Aires. Dopo una telefonata del nunzio vaticano in Argentina, Ubaldo Calabresi, «ho poi aperto un’altra porta», racconta.

Bergoglio, che nel 1981 compie 45 anni, vive un momento di difficile passaggio della sua esistenza. Dopo essere diventato a soli 37 anni superiore della provincia argentina della Compagnia di Gesù, e poi rettore del Colegio Máximo di San Miguel, diventa confessore, incarico nel quale non si ritrova del tutto. Trascorre un periodo in Germania dedicato a terminare una tesi dottorale su Romano Guardini che tuttavia non arriverà mai a discutere, e poi parte per Córdoba dove «come lavoro» fa il direttore spirituale e il confessore della chiesa della Compagnia di Gesù. Sono anni duri per lui, di buio, anche di incomprensioni all’interno della Compagnia, un periodo che i biografi definiscono di «esilio». E nei quali Bergoglio deve ripetersi spesso: «Adesso non so cosa fare». Mai avrebbe immaginato cosa sarebbe accaduto dopo; la nomina a vescovo ausiliare, la guida dell’intera diocesi di Buenos Aires, l’elezione al soglio di Pietro il 13 marzo del 2013, giusto cinque anni fa.

È vero, come rivela lui stesso in un libro-intervista scritto col sociologo francese Dominique Wolton, già nel 1978 vive un periodo d’inquietudine — «il demone di mezzogiorno», come chiamano in Argentina la crisi di mezza età — affrontato «per sei mesi una volta alla settimana» con una psicoanalista ebrea che lo aiuta molto. Ma qui sembra che egli debba fronteggiare qualcosa di più profondo, una crisi nella vocazione risolta soltanto grazie alla preghiera, e in particolare a un rapporto «faccia a faccia col Signore, parlando, conversando, dialogando con Lui». La notte oscura è di tante donne e uomini di fede, «una spina nella carne», dice san Paolo. Ne scrive Giovanni della Croce che parla di notte dei sensi e dello spirito, momento di travaglio, sofferenza, dubbio, senso di solitudine e d’abbandono da parte di Dio. Un’oscurità, spiega il carmelitano spagnolo, voluta da Dio per purificare l’anima dall’ignoranza e liberarla dagli attaccamenti ad affetti, persone e cose, che le impediscono lo slancio verso l’alto e l’unione amorosa con Lui. La vive, fra i tanti, anche Teresa di Calcutta, che si sente per un lungo periodo «abbandonata da Dio». Sorride a tutti, ma dentro di sé non ha che buio. Bergoglio non arriva a dire di essersi sentito abbandonato da Dio. Tuttavia, il suo smarrimento è reale.

Ma, confida ancora ai preti romani, per molti sacerdoti può essere così: «È un momento aspro ma liberatorio. Quello che è passato, è passato». Dopo «c’è un’altra età, un altro andare avanti». E, in effetti, tutto cambia successivamente. Il gesuita che nel ’78 sente, mentre si trova in macchina, che hanno eletto Karol Wojtyla al soglio di Pietro, un uomo del quale fatica a ripetere il nome, parte per Roma nel 2013 convinto di tornare a casa presto. Le cose vanno diversamente. Bergoglio diviene Francesco e dalla sua Argentina rimane lontano. Ma la crisi degli anni di Córdoba è oggi passata. Ai suoi collaboratori ripete di non sentire alcuna nostalgia del suo Paese. Ha scelto di vivere a Santa Marta non per rifiuto del lusso dell’appartamento apostolico, ma perché quelle stanze gli sembrano un imbuto all’incontrario, una porta piccola all’imboccatura di spazi troppo grandi. A Santa Marta vede gente, prega, lavora, non si sente solo. La strada è spianata. La notte oscura sembra ormai svanita.

in “la Repubblica” del 22 febbraio 2018

Romano Guardini. Nel cinquantesimo della sua morte

Marco Roncalli

L’1 ottobre 1968 mancava a Monaco di Baviera Romano Guardini, il filosofo e teologo italiano per nascita, tedesco per formazione, europeo per vocazione, definito dalla sua biografa Hanna-Barbara Gerl «un Padre della Chiesa del XX secolo». Nel cinquantenario della sua scomparsa, in Italia, in Germania, e in altri Paesi, soprattutto europei, sono già iniziati diversi convegni dedicati all’approfondimento dell’eredità del suo pensiero che ha influito su generazioni di cattolici.

Ora a celebrarlo è Verona, la città dove Guardini nacque il 17 febbraio 1885 («Nelle vicinanze dell’Arena, il cui possente ovale ci ricorda la nostra continuità con l’antichità classica», com’era solito ripetere) e dove fu battezzato il 3 maggio successivo. Due gli appuntamenti in programma oggi, martedì 20 febbraio. Alle 17 presso la Chiesa di San Nicolò all’Arena una funzione religiosa farà memoria del suo battesimo; mentre alle 18.30 presso il Teatro Stimate interverranno due profondi conoscitori del pensiero di Guardini (nonché curatori e traduttori di alcuni suoi volumi): Silvano Zucal, professore di filosofia all’Università di Trento, che presenterà una lectio dal titolo “Romano Guardini: un ethos per l’Europa”, e Ilario Bertoletti, docente all’Università Cattolica di Brescia e direttore editoriale della Morcelliana che spiegherà il legame tra Guardini e l’editrice che l’ha fatto conoscere in Italia e ne prosegue l’edizione critica dell’Opera omnia. Un’edizione che, pur dividendone la produzione in scritti filosofici, teologici, spirituali, liturgici, di interpretazione biblica, o in saggi dedicati a figure (come l’ultimo volume sugli scritti guardiniani su Friedrich Hölderlin), oppure in scritti autobiografici ed epistolari, finisce per dar risalto alla coerenza dell’originalità del suo discorso sull’uomo e su Dio ma anche alla fedeltà di una testimonianza brillata nel secolo breve.

L’appuntamento promosso dallo Studio Teologico San Zeno in collaborazione il Vicariato per la Cultura, Vicariato Verona Centro e la Fondazione Giorgio Zanotto, consentirà di riaccendere il riflettore su un uomo che nei suoi scritti cercò la Verità nella storia, nella politica, nell’arte, nella letteratura, nella filosofia, nella teologia, nella liturgia, nella poesia, nella musica. Un uomo dove è difficile scindere fra la dimensione «pubblica», quella delle lezioni, dei saggi, delle conferenze, e «privata», quella degli appunti autobiografici, del diario, delle lettere. E dove non si percepisce una distanza fra la sua parabola umana e spirituale e la sua visione generale sull’essere vivente in relazione con l’Assoluto. Un pensatore per il quale vale certamente la tesi cara a Teilhard de Chardin: la verità dell’Uomo è la verità dell’ Universo per l’Uomo, creato e redento dal Logos, cioè semplicemente, la Verità.

«Qui a Verona, nella sua città di origine, faremo memoria di uno dei più grandi pensatori del Novecento attraverso i massimi studiosi del suo pensiero», spiega don Gianattilio Bonifacio, direttore dello Studio Teologico. E aggiunge: «Offriremo alla città l’occasione per riflettere sull’attualità del suo pensiero e della sua opera». Trasferitosi ad un anno con la famiglia a Magonza (dove il padre era stato inviato come Console d’Italia), frequentò lì le scuole elementari e le secondarie, raggiungendo la maturità classica nel 1903 e – anche se in casa parlava italiano – ebbe una buona formazione «tedesca» senza una particolare impronta «religiosa». Incerto su quali studi continuare, dopo aver provato con chimica a Tubinga e Scienze politiche dapprima a Monaco e poi a Berlino, nel 1906 avvertì il bisogno di dare maggior consistenza alla sua adesione alla fede dentro una Chiesa ai suoi occhi non solo istituzione, ma luogo concreto dove vivere in pienezza la liturgia, i sacramenti, la preghiera, le relazioni con i fratelli.

Di lì a poco la scelta del sacerdozio. Superate alcune difficoltà (specie per l’opposizione dei genitori), si iscrisse alla Facoltà teologica di Friburgo e poi di Tubinga. Entrato nel Seminario Teologico della diocesi di Magonza nel 1908, dopo due anni ricevette l’ordinazione. Cappellano in varie parrocchie tra il 1910 e il 1912, eccolo via via dar corpo alla sua seconda vocazione: l’insegnamento e gli studi. Si laurea dunque in teologia a Friburgo, consegue il dottorato, e decide di restare in Germania quando i suoi rientrano in Italia al crepitare della prima guerra mondiale. Siamo nel 1915 e nello stesso anno Guardini affida l’associazione degli studenti medi cattolici di Magonza che seguirà sino al 1920, anno in cui passa a Bonn per prepararsi alla docenza presso quella Università.

Ottenuta l’abilitazione in teologia dogmatica nel 1922, l’anno successivo gli viene offerta all’Università di Berlino – ambiente protestante – una cattedra di «filosofia religiosa e di Weltanschauung cattolica». Inizia per lui quel lungo periodo di insegnamento accademico durato sino al 1939 e interrotto dalle autorità naziste con la soppressione della sua cattedra. Di fatto le sue lezioni continuavano nelle omelie dal pulpito «come una cosa sola», spiegando la visione del mondo in prospettiva cristiana: ai suoi occhi la più abilitante per guardare la realtà e in grado di assumere lo sguardo di Cristo. «Lo sguardo della Weltanschauung è lo sguardo di Cristo… Lo sguardo sul mondo è una prerogativa di colui che davvero crede in forza della sua fede, anche se il suo livello spirituale, quanto al resto, possa essere modesto. Nel credente si ripete, per quanto in misura minima, l’atteggiamento del Cristo. Ogni vero e reale credente è un vivo giudizio sul mondo», così Guardini già in un suo scritto del ‘23, nella certezza di u na Chiesa cattolica «portatrice dello sguardo di Cristo sul mondo». «Lei dovrebbe fare ciò che dice il termine Weltanschauung, ossia considerare il mondo, le cose, l’uomo, le opere, ma fare tutto ciò come un cristiano cosciente delle sue responsabilità, dicendo ciò che vede in termini scientifici», gli aveva consigliato Max Scheler. Cosa che Guardini provò a fare, talvolta anche con conferenze (si pensi a quelle del ciclo “Le cose ultime”, nel 1940) segnate da una scrittura «in codice» o «reticente», veicolanti in un linguaggio apparentemente estraneo a quanto andava accadendo, un potenziale critico ben comprensibile.

«Davanti a una visione del mondo che presume di abbracciare l’intero orizzonte della realtà, il messaggio della fede circa le cose ultime si offre come irriducibile ad una spiegazione soltanto intramondana, come quella “riserva escatologica” che funge da campanello di allarme nei confronti di ogni pretesa esclusiva dell’ideologia. Il primato riconosciuto al Dio personale e trascendente, è confutazione dell’obbedienza assoluta predicata al Führer. È a Dio solo, giudice dell’uomo e della storia, che va data fiducia ed obbedienza, in vita come in morte. Lungi dal declinare parallelamente al tramonto dell’Occidente, il cristianesimo potrà rigenerarsi nella sua natura evangelica, centrata sulla buona novella del Dio crocifisso e risorto per noi» spiegava, richiamando la figura di Guardini, il vescovo teologo Bruno Forte in un intervento dal titolo “Quale avvenire per il Cristianesimo?”, tenuto al Centre Culturel Saint Louis de France, a Roma, il 24 Gennaio 2008.

E Guardini mantenne la stessa posizione quando, dopo la cacciata dall’Università, si decise ad abbandonare Berlino per una stanza nella canonica dell’amico Josef Weiger a Mooshausen, dove rimase dall’estate del ’43 al ’45, lì cominciando a scrivere le sue pagine autobiografiche per riprendere il suo insegnamento dopo la guerra dal ’45 al ‘48 a Tubinga e dal ’48 al ’62 alla LudwigMaximilians-Universität di Monaco, la città elettiva dei suoi ultimi vent’anni dove si spense il 1° ottobre del 1968. Come ha sintetizzato Rosino Gibellini: «Guardini non è un teologo accademico nel senso classico del termine, anche se ha insegnato per ben trentaquattro anni all’Università: quando iniziava a trentotto anni la sua docenza a Berlino, egli godeva già di notorietà, come esponente del movimento liturgico, come educatore della gioventù, come oratore e scrittore». E basta qui ricordare tra le opere che l’avevano fatto conoscere, solo per fare qualche esempio, “Lo spirito della liturgia” (1918), “Il senso della Chiesa” (1922), “L’opposizione polare” (1925), Il Signore (1937), “L’essenza del cristianesimo” (1938), “Mondo e persona” (1939): volumi nei quali Guardini appare come uno dei maggiori interpreti della scelta esistenziale di vita cristiana, anticipatore di tanti dibattiti sulla postmodernità nel suo pensare il Cristo e le sfide della modernità, nel suo immaginare il futuro della fede senza orpelli. «Ma il contributo teologico più caratteristico che lo scrittore di successo e il solitario teologo abbia dato alla teologia del XX secolo rimane la sua frequentazione della biblioteca dell’umanità e le sue interpretazioni in chiave teologica di testi e figure della letteratura mondiale, che hanno introdotto in teologia una sensibilità per il concreto e il vissuto, e hanno aperto nuove piste alla riflessione teologica al di fuori di un ben circoscritto spazio ecclesiale», così ancora Gibellini nella sua “Breve storia della teologia del XX secolo” edita dalla Morcelliana dieci anni fa.

Si è già detto che moltissime pagine guardiniane hanno alimentato il dibattito del pensiero cattolico dell’ultimo secolo. Qui basterà ricordare che nel singolare destino di Guardini c’è anche il fatto di essere stato in qualche modo «maestro» di più di un Pontefice che a lui ha guardato come un punto di riferimento. Se è stato Papa Montini ad averlo letto assiduamente (la sua biblioteca personale custodita all’Istituto Paolo VI di Concesio, alle porte di Brescia, ne conserva una ventina di opere) e ad averne promosso personalmente le prime traduzioni presso la Morcelliana allora diretta da Fausto Minelli (accollandosene l’onore e l’onere, a partire dal piccolo libro indirizzato ai suoi allievi fucini dal titolo La coscienza, tradotto dal sacerdote trentino don Giulio Delugan), se è stato Giovanni Paolo II, in Germania nel 1980, ad annoverarlo, insieme ad Alberto Magno, Nicolò Cusano, Mòhler, Scheeben e Przywara, tra quanti «hanno arricchito e ancora incessantemente arricchiscono non solo la Chiesa di lingua tedesca, ma anche la vita e la teologia di tutta la Chiesa», è certamente Joseph Ratzinger (che da giovane studente ebbe modo di studiarlo e perfino talvolta ascoltarlo dal vivo) ad averlo più volte indicato come un suo grande «maestro», confidando di calcarne le orme e di ispirarsi a lui. Un rapporto intellettuale quello stabilitosi fra i due: cementato dalla comune preoccupazione di ritrovare l’essenziale del cristianesimo ed entrare nelle dimensioni ontologiche della liturgia. E forse non a caso è durante il pontificato di Benedetto XVI che si assiste, per certi versi, ad una riscoperta di Romano Guardini. Che tuttavia ha segnato anche la formazione intellettuale e spirituale di Papa Francesco.

È noto che Jorge Bergoglio nel 1986 trascorse alcuni mesi presso la facoltà filosoficoteologica Sankt Georgen di Francoforte. L’intento era di preparare una tesi di dottorato dedicata proprio a Guardini. Se il progetto venne poi accantonato, non venne però dimenticato. Ed è soprattutto l’idea guardiniana della vita come opposizione polare che torna al centro di rilevanti passaggi ad esempio della sua prima esortazione apostolica Evangelii gaudium, mentre l’analisi guardiniana del rapporto fra morale e politica è ben valorizzata nell’enciclica più famosa di Papa Francesco, la Laudato si’, con diverse citazioni. Non è un caso poi se nel libro-intervista con Dominique Wolton “Politique et société” (pubblicato dalle Éditions de l’Observatoire) Papa Francesco raccomanda le letture di Guardini definendolo «l’uomo che ha capito tutto». Inoltre non è casuale forse se, proprio durante questo pontificato, il 16 dicembre scorso, nel Duomo di Nostra Signora di Monaco di Baviera, si è aperto il processo di beatificazione di Guardini. Alla messa pontificale presieduta dal cardinale Reinhard Marx è seguita, il giorno seguente, una celebrazione presso la tomba del grande sacerdote italo-tedesco nella chiesa di Saint Ludwig: la stessa in cui celebrò a lungo per gli studenti universitari e che sorge nella piazza dedicata ai fratelli Scholl, protagonisti della Rosa Bianca, ai quali Guardini, maestro di libertà, non era per niente sconosciuto.

Di Guardini il cardinale Marx ha parlato come di un «ispiratore di verità e testimone del Vangelo», di una «persona che ebbe la chiara visione di ciò che le ideologie del XX secolo hanno fatto alla gente». Anche per questo il lucido pensiero di questo filosofo e teologo – dove la razionalità si oppone ad ogni totalitarismo e integralismo, e persino la cristologia si fa critica all’ideologia, oltre che riflessione su Gesù, Dio, la Chiesa come punto d’incontro tra il mondo e la Luce – mantiene, a tanti anni di distanza, un un suo avvolgente fascino.

in “La Stampa Vatican Insider” del 20 febbraio 2018

Un bambino su 6 vive in zone di guerra. L’allarme di save the Childen

L’ennesimo attacco che si sta svolgendo in Siria, nell’area di Ghouta, ha provocato quasi 200 morti civili, tra cui molti bambini. Piccole vittime della guerra. Sono più di 357 milioni i bambini – uno su sei al mondo – che vivono attualmente in zone colpite dai conflitti, un numero cresciuto di oltre il 75% rispetto all’inizio degli anni ’90. Bambini e bambine che vengono uccisi, mutilati, rapiti, stuprati, che vedono le loro scuole e le loro case distrutte dai bombardamenti, che vengono reclutati forzatamente nei gruppi e nelle forze armate e che sono tagliati fuori dall’educazione e dall’accesso a cure mediche. E’ la denuncia del nuovo rapporto di Save the children “Guerra ai bambini”, lanciato dall’organizzazione in collaborazione con il Peace research Institute di Oslo.

SIRIA, AFGHANISTAN E SOMALIA I PAESI PIU’ SEGNATI DALLA GUERRA

Siria, Afghanistan e Somalia – emerge dal rapporto di oltre 40 pagine – si trovano in cima alla classifica dei dieci paesi segnati dalla guerra dove è più difficile essere bambini e dove le conseguenze sulla loro vita sono ancora più gravi. A seguire Yemen, Nigeria, Sud Sudan, Iraq, Repubblica democratica del Congo, Sudan e Repubblica centrafricana, mentre Medio Oriente e Africa risultano le macro-regioni che registrano i tassi più alti al mondo di minori che vivono in aree colpite da conflitti (più di 1 su 3 – 39% – nella regione mediorientale, 2 su 5 – 21% – nel continente africano).

“Stiamo assistendo a un aumento scioccante del numero di bambini cresciuti nelle aree colpite da conflitti e alla loro esposizione a forme di violenza immaginabili. I bambini stanno subendo sofferenze che non dovrebbero mai vivere sulla propria pelle, dagli stupri all’essere utilizzati come kamikaze. Le loro case, scuole e campi da gioco sono diventati veri e propri campi di battaglia. Crimini come questi rappresentano abusi intollerabili e sono una flagrante violazione del diritto internazionale – dichiara Daniela Fatarella, vice direttore di Save the children Italia.

“I leader mondiali devono fare di più per assicurare alla giustizia i responsabili di questi abusi. L’incapacità di proteggere i bambini nei conflitti, infatti, non soltanto ha come conseguenza quella di negare il futuro agli stessi minori, ma anche ai loro paesi. Occorre fare una scelta decisa. Vogliamo continuare a guardare mentre altri bambini muoiono sui banchi di scuola o nei letti d’ospedale, non ricevono aiuti salvavita e vengono reclutati nei gruppi armati? Oppure decideremo finalmente di affrontare la cultura dell’impunità e mettere fine una volta per tutte alla guerra ai bambini?”.

BAMBINI UCCISI E MUTILATI: CASI AUMENTATI DEL 300% DAL 2010

Dal 2010, i casi verificati dalle Nazioni Unite di bambini uccisi e mutilati è aumentato di quasi il 300%, un incremento particolarmente significativo – recita il rapporto – dovuto anche al fatto che “negli ultimi anni i minori sono sempre più diventati un bersaglio intenzionale per infliggere un forte danno emozionale alle comunità o estirpare alla radice le future generazioni appartenenti a un determinato gruppo etnico o religioso”.

In particolare, sottolinea Save the children, tra il 2005 e il 2016 oltre 73.000 bambini sono stati uccisi o hanno subito mutilazioninell’ambito di 25 conflitti, con oltre 10.000 casi registrati nel solo 2016. In Afghanistan, per esempio, dove il conflitto si protrae da quasi 17 anni, il 2016 ha visto il più alto numero di casi verificati di uccisioni e mutilazioni tra i minori, con oltre 3.500 bambini vittime, il 24% in più rispetto all’anno precedente. Circa 700 bambini, inoltre, hanno perso la vita nel paese nei primi nove mesi del 2017.

·UN ESERCITO DI 50MILA BABY SOLDATI 
Quasi 50.000 minori sono stati forzatamente reclutati nei gruppi o nelle forze armate tra il 2005 e il 2016. Bambini e bambine, in alcuni casi con meno di 8 anni di età, costretti a combattere mettendo gravemente a rischio la propria vita, a trasportare pesanti provviste e forniture militari, spesso anche a uccidere o a compiere gravi atti di violenze e, nel caso delle ragazze, a diventare le mogli e le compagne di soldati e combattenti.

Solo nel 2016, sono stati quasi 8.000 i casi verificati di reclutamento forzato, con la Nigeria a detenere il triste primato con più di 2.000 bambini costretti a unirsi ai gruppi o alle forze armate. Seguono la Somalia e la Siria. Anche i bambini particolarmente vulnerabili non sono esenti dal reclutamento forzato nei gruppi armati, come dimostra il caso del reparto giovanile creato da Al-Qaeda in Iraq, chiamato “Uccelli del paradiso”, per annoverare tra i propri ranghi orfani, disabili mentali e bambini di strada da utilizzare in attacchi suicidi contro obiettivi governativi o civili.

ABUSI SESSUALI E RAPIMENTI
Anche lo stupro e le violenze sessuali sono una delle principali e più gravi violazioni commesse ai danni dei bambini nei conflitti, ma lo “stigma sociale purtroppo non consente di quantificarne esattamente l’impatto”, spiega Save the children. Tra il 1989 e il 2009 si calcola che nel 35% dei conflitti si sia fatto ricorso a forme di violenze sessuali contro i minori, che oltre allo stupro comprendono la schiavitù sessuale, la prostituzione, le gravidanze, la sterilizzazione e l’aborto forzati, le mutilazioni e le torture sessuali. In particolare, i casi documentati ammontano a oltre 17.500 tra il 2005 e il 2016, con più di 850 casi solo nel 2016.

Dal 2005 al 2016, emerge dal rapporto, ci sono stati oltre 14.300 casi di minori rapiti e sequestrati, con il picco registrato nel 2015 quando i casi ammontavano a oltre 3.400, con il numero più alto in Sud Sudan. Bambini e bambine sono sottratti con la forza ai propri villaggi e alle proprie famiglie per differenti ragioni, dal reclutamento forzato nei gruppi e nelle forze armate allo sfruttamento sessuale ai lavori domestici, con un impatto devastante sulla loro vita e sulle loro stesse famiglie.

27 MILIONI DI BAMBINI SENZA SCUOLA A CAUSA DEI CONFLITTI
I bambini che vivono nelle aree di conflitto sono sempre più a rischio anche quando si trovano a scuola o in ospedale, luoghi che dovrebbero essere per loro assoluta garanzia di protezione. Oggi, nel mondo, 27 milioni di bambini sono tagliati fuori dall’educazione a causa dei conflitti perché sono stati costretti ad abbandonare le proprie abitazioni, perché le loro scuole sono state distrutte o danneggiate oppure perché i loro insegnanti sono fuggiti. Tra il 2005 e il 2016, si sono infatti registrati oltre 15.300 attacchi che hanno avuto come obiettivo scuole e strutture sanitarie, con un incremento del 100% in un decenni.

In particolare, il 2017 si è rivelato uno degli anni peggiori per quanto riguarda gli attacchi verso le strutture educative, con almeno 2.000 attacchi verificatisi in Yemen e in Repubblica Democratica del Congo, il 400% in più rispetto al 2015. Colombia, Siria, Afghanistan, Pakistan e Sudan sono i paesi maggiormente colpiti, tra il 2009 e il 2012, da attacchi nei confronti delle scuole. Quanto agli ospedali, in Siria, dal 2011, ci sono stati oltre 1.000 attacchi che hanno colpito cliniche e strutture sanitarie. In Yemen, da marzo 2015 a marzo 2017, ci sono stati più di 160 casi, che hanno contribuito ad accelerare il collasso del sistema sanitario del paese e la diffusione dell’epidemia di colera.

in La Repubblica, mercoledì 21 febbraio 2018

PER SAPERNE DI PIU’

http://www.savethechildren.it/blog-notizie/guerra-ai-bambini